L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























venerdì 30 gennaio 2009

Calcestruzzi del GRuppo Italcementi inzia il processo




La Italcementi a processo: le mani di Cosa Nostra nei suoi impianti


di Silvia Cordella - 27 gennaio 2009
In Sicilia costruzioni pericolose per creare fondi da destinare alla mafia.
Al via il processo per l’Ad Mario Colombini e i due capiarea Fausto Volante e Giovanni Giuseppe Laurino coinvolti nella truffa della “doppia tabella



Al via il processo a carico dell’amministratore delegato della Calcestruzzi Spa Mario Colombini che dovrà comparire davanti ai giudici del Tribunale di Caltanissetta, perchè accusato dalla Procura nissena di truffa, frode e intestazione fittizia di beni, con l’aggravante di aver favorito la mafia. L’imprenditore bergamasco, amministratore delegato del colosso italiano del cemento è stato rinviato a giudizio insieme a Fausto Volante, capozona per Sicilia e Campania e Giovanni Giuseppe Laurino, rappresentante dell’azienda nella Sicilia orientale. Per loro le accuse sono di truffa, frode e turbata libertà del commercio, aggravata dall’aver agevolato Cosa Nostra.
Gli imputati dovranno presentarsi all’udienza il 7 aprile prossimo. Giornata che darà l’avvio alla fase dibattimentale nella quale i pm della Procura Nicolò Marino e Renato Di Natale (procuratore aggiunto), sulla base degli elementi emersi nell’inchiesta e nei diversi incidenti probatori, dimostreranno dinanzi alla Corte come negli impianti siciliani della holding italiana del cemento si speculasse sulla produzione del calcestruzzo creando fondi neri da destinare alle famiglie mafiose.
Le accuse sono pesanti. Per il Gup Stefania di Rienzo, firmataria del rinvio a giudizio, Mario Colombini in concorso con Laurino G. Giuseppe, Giuseppe Ferraro, Volante Fausto e altri allo stato non identificati devono rispondere di aver concordato l’attribuzione fittizia a Ferraro Giuseppe della Cava di Contrada Palladio di Riesi (già di proprietà della Generale Impianti Cava Billiemi Srl) sottoposta a sequestro nell’ambito del procedimento contro Buscemi Antonio “al fine di eludere le disposizioni in materia di misure di prevenzione patrimoniali impedendo la confisca del bene”. Più in particolare osserva il Giudice: “Colombini, avvalendosi dei suoi poteri di amministratore delegato” avrebbe autorizzato “Volante Fausto (cui veniva rilasciata apposita procura speciale) a fornire per conto della Calcestruzzi spa il supporto finanziario dell’operazione, dissimulando come ‘anticipo forniture’ il finanziamento necessario al Ferraro per l’acquisto della Cava”.
Un impianto quello di Riesi che, secondo quanto sostiene la Procura, sistematicamente produceva calcestruzzo alterato per recuperare il nero ricavato con l’escamotage della “doppia tabella” o “ricetta”. Una duplice compilazione automatizzata sul peso del composto usato per gli appalti che veniva adoperata in due modi a seconda delle esigenze: quella reale, per formalizzare la regolarità del calcestruzzo prodotto e richiesto dall’acquirente e quella falsata, per realizzare gli “avanzi” necessari prodotti con calcestruzzo allungato. A tal proposito gli imputati “con artifici e raggiri – scrive il giudice – consistiti nel predisporre fraudolamente “ricette di produzione” del calcestruzzo difformi da quelle concordate per contratto, cioè delle cosiddette “ricette di qualifica”, fornivano per le commesse relative agli appalti conglomerati composti da minor quantitativo di cemento. Circa 30 kg./mc rispetto alla quantità prevista nei relativi contratti di fornitura, procurandosi un ingiusto profitto di circa 2 euro per mc.”. Gli appalti a cui si fa riferimento sono quelli per la costruzione di Porto Isola–Diga Foranea di Gela, del Nuovo Palazzo di Giustizia di Gela, dello Svincolo autostradale di Castelbuono (lotto trenta quater) sull’autostrada A/20 Palermo-Messina, della Strada scorrimento veloce Licata e del torrente Brami (lotto 8. Stralcio 1 e 2). Lavori che sarebbero stati realizzati “inducendo in errore le rispettive stazioni appaltanti, la prefettura di Caltanissetta, il Ministero della Giustizia e il comune di Gela, il C.A.S. Spa (Consorzio Autostrade Siciliane) e l’Anas spa, che ricevevano conseguentemente un danno di rilevante gravità”. Una truffa che Colombini e Volante avrebbero realizzato mettendo “in pericolo la sicurezza dei pubblici trasporti per terra” disponendo per lo svincolo autostradale di Castelbuono “almeno 30 Kg/mc in meno rispetto alla quantità prevista”. Una spregiudicata commercializzazione che il capozona Volante e i due capiarea della Calcestruzzi Laurino e Librizzi (“di cui si procede separatamente”) ponevano in essere in Sicilia per riaffermare il mercato della Italcementi Group. Mercato che cercava di espandersi anche attraverso “atti di concorrenza mediante minaccia, diretta o indiretta, facendo ricorso all’intervento di esponenti di Cosa Nostra” fra cui “Francesco La Rocca, per conto della famiglia catanese” e “Tommaso Cannella, quale esponente delle “famiglie” palermitane”. Ergo “ottenere contratti di fornitura in favore di ditte aggiudicatarie di appalti pubblici o privati, fra cui la Ira Costruzioni”.


Insomma, in prospettiva di affermare capillarmente la loro presenza sul territorio, i manager della Calcestruzzi si sarebbero serviti di Cosa Nostra per eliminare le scomode concorrenze. Un metodo che a Palermo prevedeva l’intervento di “Don Masino” di Prizzi, vecchia conoscenza della Italcementi, in quanto fornitrice di cemento della sua Sicilconcrete. Un’azienda che si occupava della produzione e della fornitura di cemento, costituita negli anni ’80 da boss del calibro di Raffaele Picciurro, Salvatore Pitarresi e Antonio Pipitone, poi sequestrata poichè ritenuta un mezzo per riciclare e reinvestire i capitali illeciti di Cosa Nostra. Fatti legati a quel vecchio rapporto del Ros Mafia Appalti di cui Giovanni Falcone si era occupato. Un’indagine che aveva fatto emergere non solo il controllo di Cosa Nostra sui grandi appalti in Sicilia attraverso società di sua proprietà come la Reale Costruzioni ma anche il legame tra Totò Riina e la Calcestruzzi del Gruppo Ferruzzi di Raul Gardini, mediato da Nino Buscemi (della “famiglia” di Uditore – Passo di Rigano), a sua volta legato da rapporti societari agli ing. Giovanni Bini e Lorenzo Panzavolta del gruppo di Ravenna. Uno spaccato di storia in cui questa alleanza permise alla Calcestruzzi di diventare il fornitore monopolistico del cemento in tutta l’isola mentre a Cosa Nostra concesse la grossa occasione di sedersi al tavolo dei grandi giochi di potere.
Oggi a confermare il ruolo di Calcestruzzi in Sicilia sono diversi testimoni e collaboratori di giustizia tra cui Angelo Siino. Secondo l’ex ministro dei lavori pubblici di Cosa Nostra infatti i rapporti mai interrotti tra il colosso italiano del calcestruzzo e la mafia risalgono all’epoca della ristrutturazione del Belice avvenuta in seguito al terremoto del 1968. In quel periodo reperire il cemento era difficile soprattutto per le aziende “non amiche” di Cosa Nostra. Questo perché la Italcementi, attraverso il suo responsabile (tale Cedrini), aveva concordato con Nino Buscemi un trattamento di favore. “Non solo perché ci veniva fatta una ‘carezzina’ (non ci si poteva infatti molto discostare essendo quello del cemento un prezzo c.i.p.e.) - ha rivelato Siino - ma, soprattutto perché, a differenza delle ditte “non amiche” che pagavano anticipatamente, a noi ci veniva dilazionato il pagamento a uno o due mesi”.
Ma i rapporti con la Calcestruzzi arrivano ai giorni nostri. Secondo Ignazio Martorana, ex funzionario della Italcementi in pensione e testimone d’accusa, anche il capo zona Fausto Volante conosceva bene i referenti mafiosi inseriti nell’affare del cemento. In particolare Tommaso Cannella, quale amministratore della Sicilconcrete e “notoriamente chiacchierato per fatti di mafia”. “Lo so – ha detto Martorana - per aver preso parte a una riunione che si tenne fra la fine del ’98 e gli inizi dell’anno ’99, presso l’ufficio vendita della sede di Palermo dell’azienda (Calcestruzzi Spa) sita in via Mariano Stabile 200”. Quell’incontro venne organizzato su richiesta di Italcementi in quanto la “Calcestruzzi Spa lavorava poco nella zona di Palermo–Brancaccio e si voleva raggiungere un’intesa affinché lavorasse di più senza concorrenza di prezzo”. Alla fine l’accordo fu raggiunto. In sostanza, “si decise che Cannella non avrebbe fatto offerte per la fornitura di appalti di opere pubbliche o avrebbe fatto un’offerta superiore a quella di Calcestruzzi”.
Dichiarazioni queste che anticipano i temi che saranno discussi in aula da accusa e difesa.
Le ipotesi sulla reale grande contropartita che Cosa Nostra abbia potuto ricevere nel rapporto ormai consolidato con l’azienda bergamasca quotata in borsa saranno i magistrati a dimostrarlo. Ciò che sembra già chiaro è che le famiglie mafiose guadagnavano sulla frode delle doppie tabelle, quella rossa e quella blu. Un sistema, secondo Martorana, “scientificamente studiato da Bergamo” e costantemente seguito “dal servizio tecnologico centrale” che ogni mese verificava le giacenze per “evitare che gli impiantisti a loro volta frodassero la Calcestruzzi”.


http://www.antimafiaduemila.com/content/view/12570/78/1/1/


http://www.isolapulita.it






IO non VOTO
http://isolapulita.blogspot.com/2009/01/com-ormai-noto-il-prossimo-giugno-ad.html#links

Italcementi di Isola delle Femmine inquina?
http://liberaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/la-italcementi-di-isola-delle-femmine.html



Isola delle Femmine l'isola felice del Sindaco Portobello
http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2009/01/isola-delle-femmine-lisola-felice-del.html


RESPONSABILITA’ di Persona di Padre di Uomo di Politico
http://isolapulita.blogspot.com/2009/01/responsabilita-di-persona-di-padre-di.html#links

NON VOTIAMOLI Elezioni e Promozioni-http://isoladellefemminedaliberare.blogspot.com/2009/01/elezioni-e-promozioni.html

http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2008/02/notificato-al-sindaco-larticolo-28-da.html#links

http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2008/03/la-delegazione-trattante-la-gestione.html#links

http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2008/02/dipendenti-straordinari-liste-elezioni.html#links

http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2008/02/blog-post_10.html#links

NON VOTIAMOLI Personale e voto di scambio
http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2008/02/notificato-al-sindaco-larticolo-28-da.html

http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2008/03/la-delegazione-trattante-la-gestione.html

http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2007/12/isola-delle-femmine-il-sindacato-stoppa.html

http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2008/03/indagati-per-abuso-dufficio-per.html

http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2008/03/la-corruzzione-nella-pubblica.html

http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2008/04/sindaco-accusato-di-comportamento.html

NON VOTIAMOLI VICENDA ALBERT BOTTA RISPOSTA Bologna/Mannino
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/10/albert.html

NON VOTIAMOLI Arch Albert Licenziamento illegittimo
http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2007/12/check-out-my-slide-show.html

NON VOTIAMOLI Sindaci ex Sindaci e futuri Sindaci, Assessori ex Assessori e futuri Assessori, Consiglieri ex Consiglieri e futuri Consiglieri
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/lobbisti-assessori-burocrati-i-sette.html

CALCESTRUZZI Cemento e mafia inizia il processo
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/calcestruzzi-del-gruppo-italcementi.html

URBANISTICA: GLI SPAZI PUBBLICI
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/gli-spazi-pubblici-eddytoriale-120-29.html

NON VOTIAMOLI: sugnu sciarriati ma sugnu sempri d'accordi
http://isolapulita.blogspot.com/2008/03/interrogazione-del-partito-democratico.html

NON VOTIAMOLI La sfida di Isola delle Femmine
http://isoladifuori.blogspot.com/2009/01/la-sfida-di-isola-delle-femmine.html


L'AFFAIR DELLA CALLIOPE Ex Amministratori beneficiari di appartamenti?
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/blog-post_12.html

Ato rifiuti rischio 107 licenziamenti
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/ato-rifiuti-rischio-107-licenziamenti.html

Il Tribunale: la distilleria BERTOLINO resta chiusa
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/untitled_6599.html

I Cittadini partecipano
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/convenzione-di-aarhus-i-cittadini.html

I Cittadini risarciti dei danni ambientali causati alla SALUTE
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/risarcimento-danni-dell-inquinamento.html

Antenna Wind Shear onde elettromagnetiche a Isola delle Femmine
http://isoladifuori.blogspot.com/2008/12/io-sono-saviano-da-palermo-napoli.html

Raddoppio ferroviario Palermo Punta Raisi
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/raddoppio-ferroviario-palermo-punta.html

I miracoli dei dirigenti pubblici in Sicilia
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/i-miracoli-dei-dirigenti-pubblici-in.html

Una tragica situazione in Palestina.
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/una-tragica-situazione-in-palestina.html

Svoltosi a Palermo i funerali di Marco Maiorana
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/svolti-palermo-i-funerali-di-marco_3764.html

ARCHIVIAZIONE procedimento per art 340, 479, 595, c.p. e art 13 legge 47 del 1948
http://isolapulita.blogspot.com/2009/01/con-ordinanza-del-16122008-il-gip-del.html

MESSAGGIO FINE ANNO PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO
http://la-rinascita-a-isola-delle-femmine.blogspot.com/2008/12/messaggio-di-fine-anno-del-presidente.html#links

ITALCEMENTI NUOVA ALLARMANTE FUMATA
http://isolapulita.blogspot.com/2008/12/httpwww.html#links

1)L'AFFAIR DELLA CALLIOPE: Ex Amministratori locali coinvolti in una storia di appartamenti?
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/blog-post_12.html

2)Delocalizzare le AZIENDE INSALUBRI Funzioni del Sindaco
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/la-bertolino-chiede-la-delocalizzazione.html

3)Amianto a Isola delle Femmine! Che fare? di Fabio Solina
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/amianto-isola-delle-femmine-che-fare.html

4)ITALCEMENTI Monselice Nuova ALLARMANTE fumata da....
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/monselice-nuova-allarmante-fumata-da.html

5)Risposta del Ministro Prestigiacomo all'interrogazione dell'on Siragusa
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/l-ha-approvato-la-riforma-dei-dip.html

6) La storia di una ranocchia
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/11/blog-post_21.html


7)La scomparsa dei Maiorana: gli imprenditori di Palermo rintracciati in Spagna
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/avvistati-in-spagna-i-maiorana.html

8)Italcementi, proclamato lo stato d'agitazione
http://isolapulita.blogspot.com/2008/12/italcementi-proclamato-lo-stato.html#links


9) Neoplasie infantili in aumento
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/aumento-delle-neoplasie-infantili.html


10) Amministratori accusati di tentata concussione sul caso Oikothen
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/amministratori-accusati-di-tentata.html


11) NO AL PET-COKE SI ALLA RICONVERSIONE
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/no-al-pet-coke-si-alla-riconversione.html

12) CROMO ESAVALENTE 6692 mg/kg A ISOLA DELLE FEMMINE e il SINDACO NICCHIA
http://isolapulita.blogspot.com/2008/11/cementifici-petcoke-rifiuti-diossine.html#links

13) Statistica Malattie e Forme Tumorali manifestatesi negli ultimi 25 anni a Isola delle Femmine
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/statistica-malattie-e-forme-tumorali.html

14) IL DIRITTO ALLA MIGLIOR CURA DISPONIBILE
http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2008/12/il-diritto-alla-miglior-cura.html

15) LE ACQUE D'ORO DI ISOLA DELLE FEMMINE Il controllo controlla il controllore?
http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2007/08/blog-post.html

16)Autocertificazione per la richiesta del Bonus famiglia
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/autocertificazione-per-la-richiesta-del.html

17) Morti sospette per rifiuti tossici alla facolta' di farmacia di Catania
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/12/catania-silenzio-di-tomba-sul.html

18) Lottizzazione Lo Bianco
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/lottizzazione-lo-bianco.html

19)ELAUTO ufficio tecnico comunale prg parcheggio pubblico
http://isolapulita.blogspot.com/2008/09/blog-post_02.html#links

1 commento:

Dario ha detto...

Come cittadini da qualche mese abbiamo scoperto che dal 2005 il petcoke viene utilizzato come combustibile; non lo sapevamo, nessuno ce ne aveva dato informazione, ed ovviamente ci stiamo attivando affinchè venga sempre assicurata la perfetta funzionalità dei filtri per l'abbattimento degli inquinanti.
Ma, al di là della qualità dell'aria, sulla quale sono in corso verifiche e lo spazio del forum su cui discuterne sarebbe un altro...ci premeva il vostro aiuto nel comprendere una problematica di fondo:
E' possibile utilizzare un deposito, un'area di stoccaggio del PetCoke, senza alcun accorgimento tecnico che ne impedisca la diffusione delle polveri o la destinazione in falde o torrenti?
La domanda nasce dalla costatazione che attualmente la fabbrica utilizza un deposito per tale combustibile, fuori dall'area di fabbrica, intestato a terzi, in una ex cava circondata dal verde e da torrenti, nel quale il Petcoke è posto sulla nuda terra e privo di alcuna copertura.
In tal senso ci premeva capire a quale tipo di autorizzazioni (e se subordinato a specifiche cautele) locali, provinciali o regionali lo stoccaggio ed il deposito di PETCOKE è attualmente soggetto.
E' possibile avere schematicamente a quali norme deve attenersi chi gestisce il luogo e l'attività di deposito?
Certi dell'attenzione di tutti, attendiamo fiduciosi...
Per comprendere meglio la nostra condizione
Dario M.