L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























venerdì 16 gennaio 2009

TRASFERIMENTO DEFINITIVO ALL’ATO PA1 DI ALCUNI DIPENDENTI

*Caro "Sindaco" Prof Gaspare Portobello Mafia o Antimafia?
*Non chiamiamoli più rifiuti!
*Lavoro, protesta dei precari degli enti locali
*La manovra finanziaria " Lacrime e sangue"
*La Sicilia Le maggioranze Trasversali sul Servizio Idrico ARIA FRITTA
*Isola delle Femmine Distributore di benzina al Porto Pescatori o Diportisti?
*Italcementi, non condanniamo la torre alta 120 metri
*I Beni Comuni nello spezzatino del Federalismo
*Donatella Costa Lettera al Presidente regione Sicilia Raffaele Lombardo
*Libertà di Stampa e Regime
*SiciliaMafiopoli: IL CASO GENCHI PELLERITO termovalorizzatori e........
*TRASFERIMENTO DEFINITIVO ALL’ATO PA1 DI ALCUNI DIPENDENTI Delibera impegno riassunnzione da parte dei Comuni
*Mi Illumino di Incenso
*SINDACO: Punito perchè virtuoso
*Lombardo: "Ecco i nemici del cambiamento"
*Corte dei Conti INDAGINE funzionamento ATO PA 1




Non sono IO il PUPO
Caricato da isolapulita. - Video notizie dal mondo.


Il Direttore Generale sottopone alla Giunta Comunale per l’approvazione la seguente proposta di deliberazione:



"PRESA ATTO TRASFERIMENTO DEFINITIVO ALL’ATO PA1 DI ALCUNI DIPENDENTI COMUNALI".



LA GIUNTA COMUNALE



PREMESSO che con deliberazione della G.C. n.100 del 30.05.2005 è stato avviato il conferimento del servizio igiene ambientale alla “Servizi Comunali Integrati RSU SpA”, che prevede tra l’altro il transito di n.9 unità di personale di questo Ente alle dipendenze della medesima Società;



VISTE le domande fatte pervenire da n.2 dipendenti, Sigg.ri Ferrante Vincenzo e De Luca Filippo, i quali richiedono di essere mantenuti in servizio presso questo Ente e di non transitare alle dipendenze della “Servizi Comunali Integrati RSU SpA”;



PRESO ATTO del verbale del 14.12.2005, di concertazione con le OO.SS. appositamente convocate, dal quale si evince che non è possibile accogliere le domande di mantenimento in servizio dei due citati dipendenti;



VISTA la deliberazione n.7 del 13.01.2005 con la quale la Giunta Comunale si impegna in caso di scioglimento, cessazione, estinzione o riduzione di personale da parte della “Servizi Comunali Integrati RSU SpA” a riassorbire il personale di ruolo proveniente da questo Comune;



CONSIDERATO, pertanto, che non è possibile accogliere le domande di mantenimento in servizio presso questo Ente dei due dipendenti, ma di confermare senz’altro l’obbligo per l’Ente di cui alla succitata deliberazione n.7/2005;



CONSIDERATO, invece, che può essere accolta la domanda fatta pervenire dal dipendente Sig. Cracolici Salvatore, il quale, evidenziando la volontà di essere collocato in pensione il prossimo 1° aprile 2006, chiede di rimanere nell’attuale posizione di comando alle dipendenze della “Servizi Comunali Integrati RSU SpA”;



DELIBERA



Per le motivazioni e ragioni esposte in narrativa:



PRENDERE ATTO E RECEPIRE il verbale del 14.12.2005 di concertazione con le OO.SS.;



RIGETTARE le istanze di mantenimento in servizio presso questo Ente fatte pervenire dai dipendenti Sigg.ri De Luca Filippo e Ferrante Vincenzo e confermare il transito definitivo dei medesimi con il prossimo 1° gennaio 2006 alla “Servizi Comunali Integrati RSU SpA”;



CONFERMARE l’obbligo in caso di scioglimento, cessazione, estinzione o riduzione di personale da parte della “Servizi Comunali Integrati RSU SpA” a riassorbire il personale di ruolo proveniente da questo Comune, già assunto con la deliberazione della G.C. n.7/2005;



ACCOGLIERE la domanda di mantenimento nei ruoli del Comune fatta pervenire dal dipendente Cracolici Salvatore e di confermarlo nell’attuale posizione di comando presso la “Servizi Comunali Integrati RSU SpA” fino al prossimo 1° aprile 2006 data di collocamento in pensione.




PARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT.49, COMMA 1° E 151, COMMA 4°, DEL D.LGS. 18 AGOSTO 2000, N.267.



Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione.



IL RESPONSABILE DEL SETTORE


Dr. Manlio Scafidi





LA GIUNTA COMUNALE



Vista la superiore proposta di deliberazione, corredata dei pareri prescritti, l'approva a voti unanimi, espressi per alzata e seduta.



La Stessa Giunta Comunale, poi, con separata apposita votazione, dichiara il presente atto IMMEDIATAMENTE ESECUTIVO.


1 commento:

Vassallo Giovanni ha detto...

Il Sindaco di Isola delle Femmine il Consiglio Comunale e la Italcementi

Ritengo che le conclusioni del Consiglio Comunale sulla vicenda della ordinanza sul divieto di transito, degli autocarri carichi di pet-coke destinati allo stabilimento della Italcementi, per le vie cittadine di Isola delle Femmine, evidenzino come il Sindaco non voglia assumersi alcuna responsabilità di azione tendente a contrastare l’azione inquinante della Italcementi.
L’impressione che ne ho ricavato che il Sindaco di Isola delle Femmine sia rimasto in una posizione attendista , con il preciso intento di influire sulle decisioni del Consiglio Comunale e non assumersi alcuna responsabilità che peraltro la legge gli affida.
Ma il sindaco di Isola delle Femmine si rende conto che l’azienda a cui è destinato il pet-coke risulta essere classificata dal ministero tra le aziende insalubri di prima classe: di questa categoria fanno parte le attività che devono essere tenute lontano dai centri abitati,
mentre a Isola delle Femmine?
L’Italcementi è inserita in una zona ad alta protezione ambientale, una sottoposta a vincoli paesaggistici e soprattutto nei pressi di una area residenziale a pochi metri dalla piazza di Isola delle Femmine.
Già lo scorso anno il sindaco di Isola delle Femmine intervenendo all’assemblea dell’unione dei comuni aveva riferito che l’ARPA gli aveva comunicato dei dati da dove risultava una situazione ambientale preoccupante.
La stessa ARPA nel mese di ottobre dello scorso aveva comunicato i risultati delle analisi effettuate su polvere di petcoke da dove di evince la presenza di circa 7gr di cromo esavalente, gli esperti riferiscono che a fronte di queti dati va effettuata immediatamente un’azione di bonifica con conseguente “evacuazione”
Comprensibile la preoccupazione che le elezioni amministrative a Isola delle Femmine sono vicine e quindi non bisogna scontentare nessuno.
Però non potete scherzare con la nostra salute e non potete certamente continuare a non assumervi le responsabilità che la legge vi affida.
Vassallo Giovanni