L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























mercoledì 10 giugno 2009

Ma ri runni cazzu i pigghianu tutti sti picciuli?


Isola delle Femmine: ELETTO A FUROR DI POPOLO IL SINDACO IN SECONDA
Caricato da isolapulita - I nuovi video di oggi.





Le parole sono pietre (Carlo levi)


Lo scorso 8 giugno abbiamo inconsapevolmente celebrato il funerale della democrazia a Isola delle Femmine: Il risultato elettorale che si è via via profilato durante lo spoglio, ha chiarito come il denaro abbia evidentemente falsato e orientato il consenso dei cittadini isolani.


Il moltiplicarsi dei provvedimenti amministrativi di favore emessi dalla giunta Portobello nei giorni immediatamente anteriori al voto, le assunzioni concretizzartesi per pure finalità elettorali, gli interventi di manutenzione ordinaria realizzati straordinariamente poche ore prima di entrare nell’urna, le centinaia di migliaia di euro viaggianti per le strade di Isola – abilmente mosse da una squadra di costruttori di consenso a prezzi di mercato – hanno decretato la decadenza morale e politica della comunità isolana.


Nel progetto Isola hanno trovato rifugio lupi ed agnelli –atei, santi e miscredenti – mafia e antimafia – guardie e ladri – ambientalisti e cementificatori – neri, bianchi, rossi, verdi e verdoni – il tutto miracolosamente cementato da un coacervo di interessi privati, personali, familiari e tribali.


Isola delle Femmine non può dirsi rappresentata da chi ha estorto il consenso con le armi del ricatto occupazionale, economico, psicologico. L’operato della giunta Portobello 2004-2009 è stato di fatto nullo, la campagna elettorale del Progetto isola priva di contenuti dialettici, i candidati di punta perfetti sconosciuti, la ragione conduce ad un’unica ovvia conclusione: a vincere è stato il partito del mattone.


Non i pescatori, non gli studenti, non le famiglie, non gli operai, non gli isolani d’adozione, non i disoccupati, non gli anziani: nessuno oggi si sente responsabile del risultato dell’8 giugno e nessuno vuole la paternità di un simile misfatto. Del resto i 1700 elettori del Progetto Isola non hanno espresso un voto, hanno firmato una cambiale.


Le nostre affermazioni non sono la reazione a caldo di un gruppo sconfitto, le nostre denunce non sono un messaggio provocatorio, la virulenza dei nostri messaggi è figlia dello sdegno e dello scandalo che avete suscitato in tutti i cittadini liberi.


La vostra non è una vittoria che vi dà onore, è la vostra resa alla paura di perdere la poltrona, con tutti i suoi privilegi e le sue garanzie: dei risultati dell’8 giugno non potete rimngraziare la gente, potete solo ringraziare il denaro. Che per inciso non era neppure vostro. E nessuno può dare copertura morale e legale a quel che avete fatto.


Assicuriamo agli isolani l’impegno per un’opposizione libera, coraggiosa, determinata, ceh ripudia le logiche del compromesso: continueremo a opporci ad ogni tentativo di violazione dei diritti dei cittadini e di utilizzo privatistico dell’amministrazione pubblica.


Portobello-Aiello non possono intimarci di tacere: se non parlassimo noi, urlerebbero le pietre.



Stefano Bologna


Isola delle Femmine



http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/06/oggi-10-giugno-alle-1310-due-funzionari.html






OGGI 10 GIUGNO ALLE 13,10 DUE FUNZIONARI DEL NUCLEO POLIZIA TRIBUTARIA PALERMO HA VISITATO L'UFFICIO ANAGRAFE DI ISOLA DELLE FEMMINE PER ACQUISIRE DATI FOTOGRAFICI DI SCHEDE ANAGRAFICHE



Certamente la visita della polizia tributaria non può essere messa in relazione alle voci che in maniera sempre più insistente circolano a Isola delle Femmine sul risultato elettorale che ha portato il Professore Gaspare Portobello ad essere eletto SINDACO



I grilli parlanti di Isola delle Femmine, che cominciano ad essere tantissimi si conta un 70% dei Cittadini, hanno in mente di organizzare una manifestazione. Hanno quantificato la somma investita in questa tornata elettorale in 100.000 centomilaeuro!



A questo punto dobbiamo riconoscere che il SIndaco Uscente nonchè sindaco entrante Professore Gaspare Portobello aveva visto bene



"........a Isola delle Femmine vi sono stati e continuano ad esserci dei finanziatori della campagna elettorale....."



Bene! Dopo che tutti concordiamo che il fianziatore/i esiste esistono.



Dovremmo anche indicare il nome ed il cognome?



Ma soprattutto dovremmo fare un piccolo sforzo e dirci quale lista e candidato/i sono stati finanziati?


Una prima risposta potrebbe essere "Tutte e tre le liste sono state finanziate come anche tutti i candidati"


La nostra riflessione: Secunnu mia su tutt’appattatti. S’appattanu prima. I nuautri si nni stannu futtiennu.


Una seconda risposta potrebbe essere "il finanziatore/i ha finanziato la lista risultata perdente"


La nostra riflessione: il finanziatore/i , ch’è luocco st’autru!



Una terza risposta: potrebbe essere "E' stata finanziata solo la lista vincente.


La nostra riflessione: Secunnu mia si aspettano atti concreti dall'amministrazione che li ripaghi degli investimenti economici fatti!
Adesso ricordo: A un certo punto del suo Comizio l'assessore Paolo Aiello riferendosi al suo ex Sindaco Stefano Bologna gli dice : " Stefano! Tu sei Nuddu ammiscato cu nnenti" La frase l'avevo già sentita non ricordavo dove e in che circostanza, non riuscivo a ricordare dove l'avevo sentita.
A distanza di qualche giorno improvvisamente ricordo di averla letta a proposito di una dichiarazione che aveva fatto il pentito Francesco Marino Mannoia al magistrato Scarpinato. Anche Cangemi parlando con il magistrato Scarpinato a proposito di Bernardo Provenzano aveva
usato la stessa espressione «Nuddu ammiscato cu nnenti».


Brogli alle elezioni comunali Tutto da rifare, si riparte a ottobre

Tutto da rifare. Il processo sui presunti brogli alle elezioni comunali di Palermo del 2007 deve ricominciare dall’inizio. Stamane il gup del tribunale di Palermo, Ettorina Contino, ha accertato un vizio di procedura che azzera il contatore e dà appuntamento al prossimo ottobre. Il processo, che si celebra con rito abbreviato, vede imputati sei presidenti di seggio che avrebbero manomesso grossolanamente le schede elettorali.
La questione nasce dall’istanza di costituzione di parte civile da parte di due cittadini palermitani. Secondo la legge del 1960, per questo tipo di reato, possono ritenersi parte lesa tutti gli elettori del comune di Palermo, per cui il Municipio deve dare avviso della possibilità attraverso pubblici proclami: pubblicazioni sui giornali e sulla gazzetta ufficiali e altre forme di pubblicità. Ciò non è avvenuto per cui il processo è stato dichiarato nullo.
Ma se la legge in questione consente ai cittadini di essere considerati parte lesa, d’altra parte accorcia il periodo di prescrizione a due o tre anni. Va da sé che, paradossalmente, più cittadini chiederanno la costituzione di parte civile, più i tempi del processo si allungheranno avvicinandosi alla prescrizione.

24 commenti:

TUTTI MISIRU I PICCIULI ha detto...

CHI SA PARLI ALTRIMENTI SI FANNO SOLO ILLAZIONI MA IN OGNI CAMPAGNA ELETTORALE DAL 1968 IN POI SONO CIRCOLATE VOCI DI VOTI
RACCATTATI CON IL DIO MONETA PRIMA IN LIRE OGGI EURI
TUTTI MISIRU I PICCIULI O NO ?

VEDERE X CREDERE ha detto...

VEDETE BENE I RISULTATI DELLE ELEZIONI FATTE IN PASSATO
E VEDETE CHE I PERDENTI SONO SONPRE I STESSI
SI VEDE CHE NON E UN PROBLEMA DI LISTA O SINDACO E NON UN PROBLEMA DI VOTI
SONO PERDENTI DI SEMPRE E LO SANNO
I NOMI CHIEDERE AI GRILLI PARLANTI SONO SFIGATI E PERDERANNO SEMPRE

TUTTO INIZIA DA LONTANO ha detto...

L’incontro avenne a Roma nelle vicinanze del bar Donei in via Veneto, precisamente nell’ufficio legale di Italcementi. Lì, Angelo Siino conobbe il dott. Pesenti. «Assieme al Cedrini, affrontammo l’argomento relativo agli ostacoli per la produzione che poneva il Di Maggio, ed il Pesenti, immediatamente cogliendomi di sorpresa, rappresentò che non era disposto a sborsare, a titolo di tangente, più di duecento-duecentocinquantamilioni di lire, chiosando sul fatto che Di Maggio gli aveva in precedenza creato problemi, senza specificare quali». Ma per il sindaco la Italcementi avrebbe dovuto fare qualcosa di più per la popolazione, in particolare la costruzione di una circonvallazione tra la cementeria e la spiaggia. Richiesta che necessitava un altro incontro chiarificatore con Pesenti, questa volta in presenza di Di Maggio. «Non nascondo che era mia intenzione uscir fuori da questa storia in quanto, conoscendo i personaggi, ed in particolare il Buscemi, avevo timore che la situazione potesse deteriorarsi. Fatto sta che io, Di Maggio e Cedrini ci siamo recati a Roma, dove, nella sede di Italcementi, abbiamo avuto un ulteriore incontro con il Pesenti, nel corso del quale si parlò apertamente della richiesta del Di Maggio sulla costruenda strada, mentre il discorso monetario, rimase sottinteso».

Questo accadeva GLI ANNI 60 E 70

FATE CHIAREZZA NINO A MANCATO IL SUCCESSO X I TRADITORI INTERNI ha detto...

CHIEDETE IN GIRO I TRADIMENTI SUBITI DALLA LISTA INSIEME E CHI SOINO STATI QUESTI TRADITORI CHE BATTEVANO LE MANI A NINO E VOTAVANO E LEVAVANO VOTI PER BOLOGNA E C.

Anonimo ha detto...

il punto non è che si perde perchè si ha accanto Ciampolillo.
Ma si vince se si è pronti a fare compressi, a concedere il paese a pochi (per ultimo rilascio pedana ad alta marea per pagarsi feste elettorali), ma soprattutto chi si mette dentro lo ZIO P.
E´ stato lui a dare uno schiaffo a tutti noi ISOLANI, a dimostrato chi comanda, chi decide le sorti di ISOLA.
Tanto Portobello e company sono contenti perchè hanno vinto, perchè avranno lo stipendio, ma Isola sarà in mano allo ZIO.
Loro saranno solo dei burattini e lo ZIO muoverà i loro fili.

ABBIATE IL CORAGGIO DI DIRE IL VERO ha detto...

SCUSATE AI TEMPI DI BOLOGNA CHI TIRAVA LE FILA E CHI RICEVEVA ATTENZIONI (DICIAMO ATTENZIONI E NON FAVORI LAUTAMENTE RICOMPESATI)
MA NON ROMPETE I C..... IPOCRITI
E DETRATTORI A SENSO UNICO E SENZA LE 00000000000000000000000000

smemoranda ha detto...

ma Isola gia ERA in mano allo ZIO prima con Di Maggio e poi con Bologna ed erano buratti e lo ZIO muoveva i fili poi si vedrà

non x 3 voti ma x 180 ha detto...

w la democrazia nel 2009 ma nel 1999 rubate le elezioni nel seggio elettorale se lo scorda chi ora si lagna
che schifo x 1.000.000 di volte

non x 3 voti ma x 180 ha detto...

w la democrazia nel 2009 ma nel 1999 rubate le elezioni nel seggio elettorale se lo scorda chi ora si lagna
che schifo x 1.000.000 di volte

enzo ha detto...

manifesto di ringraziamento OK

Il primo eletto con 238 voti ringrazia gli elettori e dice che sono voti liberi, forse dimentica che sono voti acc-CERCHIA -ti.

Franco aiuto Enzo ha detto...

Sig. Enzo i 238 non sono voti liberi ne ac-cerchia-ti ma frutto di latte pastorizzato a suono di bigliettoni

Anonimo ha detto...

ALLA FACCIAZZA DI UN PO DI PERSONE I 238 VOTI SONO STATI LIBERI E NON SI E'SBORSATO UN CENTESIMO,A ENZO VORREI DIRE STU CERKIA KI E'? AI 238 VOTI NON E' SERVITO FORSE HAI SBAGLIATO CANDIDATO.
A FRANCESCO AIUTO VORREI DIRE 238 VOTI LATTE NON NE BEVE E NON NE DA A BERE!

Anonimo ha detto...

i grilli parlanti dicono che c'e' qualcuno che con questa tornata elettorale ha fatto il corredino al nascituro

VOTI PERSI ha detto...

ALLA FACCIAZZA DI UN PO DI PERSONE I 238 VOTI SONO STATI LIBERI E NON SI E'SBORSATO UN CENTESIMO,A ENZO VORREI DIRE STU CERKIA KI E'? AI 238 VOTI NON E' SERVITO FORSE HAI SBAGLIATO CANDIDATO.
A FRANCESCO AIUTO VORREI DIRE 238 VOTI LATTE NON NE BEVE E NON NE DA A BERE!

A CHI LA DAI A BERE TANTO NON TI SONO SERVITI 238 VOTI PERSI

ANTONINO ha detto...

A SCUSA VERO DEVO ESSERE SINCERO I SOLDI LI HA SBORSATI, MA TANTI, AI RISTORANTI E ALLE PIZZERIE PORTAVA TUTTO IL SUO ELETTORATO A MANGIARE CON LUI FUORI. ECCO KI E' ANGELO MANNINO UNO CHE LA POLITICA C'E' L'HA NEL SANGUE NO COME KI ORA VUOL FARE CREDERE KE GLI IMPORTI DAVVERO QUALCOSA PER IL PAESE, QUESTO E' IL PREMIO KE LUI SI MERITA ESSERE STATO IL PRIMO ELETTO A ISOLA BATTENDO"TUTTO E TUTTI".
N.B. SE PER CASO KI HA RISPOSTO DICENDO KE I SUOI 238 NN GLI SONO SERVITI NN L'AVESSE CAPITO, O PERKE PUO PURE ESSERE KE DI POLITICA NN CAPISCE UN TUBO, LUI E' CONSIGLIERE COMUNALE DI OPPOSIZIONE VERO MA CON LA COSCENZA PULITA DI KI VUOL FARE BENE PER IL PROPRIO PAESE E NN PER LE PROPRIE TASCHE. COMMENTA QUESTO ORA!!!!!! SONO SEMPRE PRONTO A RISPONDERTI.

ANTONINO ha detto...

a per ki nn capisce( NON PENSO KE IL VOTO KE ANGELO A KIESTO AL SUO ELETTORATO LO ABBIA COMPRATO CON UNA PIZZA AHAHAHAHAHAHAHAHAHHA. L'HANNO DATO PERKE SI SENIVANO DI DARGLIELO).

Comitato Cittadino Isola Pulita ha detto...

Scusate non capisco cosa c'entra la crisi industriale o le scelte utili alla politica finanziaria dell'italcemeti group con potorbello cutino che non sono presenti nelle altre realta del gruppo italcemeti e fuori dalla sicilia mah roba da matti pare che si confondono lucciole per lanterne con unao spruzzo di mafia pure a Borgo s.Dalmazzo !!!

Caro Amico quello che ci interessava e deve interessare noi TUTTI mettere in risalto è la crisi economica che ormai investe l'intero gruppo Italcementi, compreso lo stabilimento di Isola delle Femmine. L'ipotesi abbastanza concreta diuna crisi che coinvolgerà alcune decine di operai della Italcementi di Isola delle Femmine è deve essere sotto gli occhi di tutti. Gli operai SUBIRANNO la crisi senza che NESSUNO sia stato in grado di approntare strumenti atti ad affrontare le conseguenze economiche che ne possono scaturire per gli operai e per l'intera Comunità di Isola delle Femmine.
Il nostro richiamo al Sindaco Portobello Cutino Palazzotto e all'intera Amministrazione (così come è avvenuto in altre realtà) è il richiamo alle RESPONSABILITA' che ad essi gli derivano oltre al fatto che della Italcementi e del suo futuro produttivo economico MAI in nessuna circostanza si è fatto menzione.
L'invito è quello di diventare protagonisti attivi della realtà economica e non soggetti passivi. Di Italcementi non si può parlare soltanto in periodo di elezioni.
Ti sembreranno lucciole o lanterne il giorno in cui gli operai della Italcementi di Isola delle Femmine dovranno pagare di tasca propria le conseguenze economiche della crisi?
Cosa pensi siano sembrate Lucciole o lantenrne agli operai della Italcementi di Carrara che ancora oggi sono in attesa delle promesse di un loro reimpiego da parte della Italcementi?
Cosa pensi siano sembrate Lucciole o Lanterne agli operai della Italcementi di Borgo San Dalmazzo che dopo aver molto collaborato con l'azienda per l'ottenimento dell'Autorizzazione Integrata Ambientale un bel mattino si sono visti i cancelli sbarrati e una lettera con cui si mettevano in cassa integrazione gli operai?
Cosa pensi siano sembrate Lucciole o lanterne agli operai della Italcementi di Guardialeggia quando la prospettiva di una lunga cassa integrazione ha mortificato le prospettive di crescita e un futuro per i loro figli?
Cosa pensi sembreranno Lucciole o Lanterne agli operai della Italcementi di Isola delle Femmine che dopo avergli raccontato che il pet-coke permetteva di risparmiare sui costi di produzione che permetteva loro la prospettiva di una garanzia occupazionale, domani forse gli diranno statevene tutti a casa perchè la Italcementi è in crisi ed è costretta a chiudere.
Caro Amico lettore a questo punto invece di fare polemiche sterili e senza alcun senso cerchiamo TUTTI INSIEME di offrirci un'opportunità di sviluppo e di crescita.
Il futuro economico di Isola delle Femmine e la qualità della vita dei cittadini non sono ASSOLUTAMENTE barattabili con qualche voto. O con qualche assessorato.
UNITI SI VINCE
Pino Ciampolillo

Crisi si ..crisi no... ha detto...

ISOLA PULITA
L'UNICO PUNTO A VS FAVORE E CHE AVETE SOLLEVATO IL CASO iNQUINAMNETO DELLA CEMENTERIA MA I RIMEDI SONO COSTOSI PER LE FINANZE DEL GRUPPO ITALCEMNTE E non bastano piu RISORSE DELLA REGIONE DELLO STAtO E deLL'EUROPA che non si sono come una volta.
Ora comprendete perche c'entra la crisi industriale o le scelte di politica finanziaria della cementeria che vuole chiudere e andare altrove e proprio nulla interessa degli operai di Isola O DELLE ALTRE LOCALITà perche paga lo stato con la C.I.G. cioè tutti noi ?

PIETRE E FESSERIE ha detto...

CHI DI VOTI SI SCAMBIO COLPISCE DI VOTI UGUALI PERISCE VEDETE EL COM DEL 1995 1999 20004
Le nostre affermazioni non sono la reazione a caldo di un gruppo sconfitto, le nostre denunce non sono un messaggio provocatorio, la virulenza dei nostri messaggi è figlia dello sdegno e dello scandalo che avete suscitato in tutti i cittadini liberi.

Nel 1995 1999 2004 nesun sdegno scandalo c'e statO X i cittadini sconfitti illegalmente
nON predeTE per IL KULO GLI ISOLANI CHE SANNO DEL PONTILE LA POMPA DI BENZINA LE CENE LE CROCIERE LE LICENZE ECC. ECC. ECC. da ieri ciampo al servizio di rinascita che sfiga per loro CONOSCONOò cagare

Furbizia da memoria corta ha detto...

DOPO IL VOTO CHI HA PERSO PER 180 VOTO MA ANCHE IL LUME DELLA RAGIONE PERCHE IL VIRUS DEMAGOGICO E VILE ALIMENTATO DALLA RABBIA DI PERDENTE HA FATTO DEMENTICARE CHE IN PASSATO CON METODI SPORCHI E ILLEGALI HA FATTO PEGGIO E DI PIU CAMBIANDO SEPRE UOMINI E LISTE X ARRIVARE CON VIGLIACCATE ALLA POLTRONA ALLEANDOSI CON QUELLI CHE OGGI CRITICA MODI E MEZZI GIA CONOSCIUTI COLLAUDATI E USATI A SUO VOLERE E USO INTERESSE

Facciamo chiarezza e non minchiate a senso unicoco ha detto...

gestori del sito xche non proponete una bella inchiesta sui bogli elettorali degli ultimi 10 anni per accertare e verificare quali camdidati a sindaco sono democraticamnte! risultati eletti e con chi erano schierati gli occulti finanziatori di ieri e di oggi che dite tra le righe e anche in quali liste erano candidati e collocati i condidati sindaci del 2009?

Anonimo ha detto...

CHIAREZZA CHIAREZZA CHIAREZZA

ERANO E SONO TUTTI BURATTINI NELLE MANI DELLO ZIO PAPERON DE PAPERONI

ASPETTIAMO SMENTITE O NO!!!!!!!!!

le parole sono pietre o pucciuli ha detto...

Un sindaco è stato arrestato con l'accusa di concussione. Le indagini sono state avviate in seguito alla denuncia di un imprenditore che ha raccontato di essere stato costretto a consegnare somme di denaro al primo cittadino, pena il ritardo nella riscossione di alcuni crediti vantati nei confronti del Comune.
SOLO UNA NOTIZIA ma QUESTO NON E ACCADUTO in passato A ISOLA ..forse

Chi ta acconsente....Chiarezza ha detto...

PERCHE NESSUNA DA RISPOSTA PER QUELLO CHE DICE CHIAREZZA

ALLORA VALE IL DETTO :
CHI TACE ACCONSENTE E COME HA ACCONSENTITO FINO AL 2008....perche era in mano allo zio paperon de paperoni basta rendere pubblici certi movimenti bancari