L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























mercoledì 21 ottobre 2009

AMANTEA GRANDE MANIFESTAZIONE PER LA VITA











CALABRIA RADIOATTIVA?

Movimento "Terra, Aria, Acqua e Libertà" Via Cappuccini, 27 – 88900 Crotone Tel/fax 0962/25365 – cell. 328/7255380


COMUNICATO STAMPA

“AMANTEA COME CROTONE”, 24 OTTOBRE 2009


“Mafia, imprenditori e stato avete avvelenato la Calabria”, emblematico della situazione ambientale in Calabria, lo striscione a firma del Movimento “Terra, Aria, Acqua e Libertà” che ha aperto lo spezzone di Crotone, sabato 24 ottobre scorso ad Amantea, durante la Manifestazione Nazionale “Basta Veleni”.
Uno spezzone vero e proprio, quindi, organizzato dai movimenti della città di Crotone che, partiti a bordo di tre pullman e numerose automobili, hanno gridato la propria rabbia per le strade di Amantea, in quell'enorme serpentone umano che sabato scorso ha, forse per la prima volta nella storia recente, unito idealmente tutte le vertenze ambientali che inquinano la Calabria. Da Crotone a Rossano, Cetraro, Amantea, Gioia Tauro, Reggio Calabria, Serra d'Aiello, etc. erano presenti tutte le realtà interessate dal problema dell'inquinamento ambientale e dell'aggressione selvaggia ai danni del territorio calabrese, perpetrata negli anni dalle imprese di stato, da imprenditori senza scrupoli e dalle 'ndrine locali, spesso con la compiacenza e la complicità di politici ed amministratori locali.
Anche Crotone, dunque, ha detto basta e, dopo la straordinaria manifestazione del 3 ottobre, ha unito la propria battaglia a quella di tutti i calabresi, rompendo l'isolamento politico a cui la città è stata costretta per oltre 15 anni.
Dal palco di Amantea, Filippo Sestito del Movimento “Terra, Aria, Acqua e Libertà”, è intervenuto dando voce alla vertenza Crotone: scorie tossiche sotto scuole ed edifici pubblici e privati; bonifica dell'ex sito industriale di Pertusola Sud, che la città attende da oltre venti anni; inquinamento del porto commerciale; concentrazione di centrali elettriche (biomasse, idroelettriche, turbo gas, eoliche); la spinosa questione dello smaltimento dei rifiuti. Nell'intervento, Sestito, ha sottolineato l'importanza di una battaglia unitaria di tutti i calabresi, contro lo strapotere della 'ndrangheta, contro la mala politica e contro il sistema economico e sociale che depreda e distrugge la nostra terra, la nostra aria, la nostra acqua. Contestando, infine, ai governi nazionali e regionali la non volontà di intervenire e l'incapacità di assumersi qualsiasi responsabilità politica.
Sottolineiamo, dunque, la straordinarietà della manifestazione di Amantea che per partecipazione e piattaforma politica ha incarnato la voglia di riscatto e di soluzione immediata dei problemi ambientali di tutta la Calabria.
Quella di sabato 24 ottobre è risultata essere, quindi, una tappa fondamentale per la costruzione di una rete regionale di tutti i movimenti, comitati ed associazioni che si battono per la difesa del territorio.
Il Movimento “Terra, Aria, Acqua e Libertà” chiede di proseguire la lotta, invitando tutti i cittadini, le istituzioni, le forze sociali e le realtà associative della provincia di Crotone a non abbassare la guardia e a lavorare, in maniera unitaria, collettiva e partecipata, alla risoluzione dell'emergenza ambientale ed al rilancio sciale ed economico del nostro territorio.


Crotone 26/10/2009


per il Movimento “Terra, Aria, Acqua e Libertà”Francesco Perri

· Amantea, migliaia in piazza"Via i veleni dalla Calabria"
· Calabria al veleno - Un’area radioattiva
· "Senza scorta contro i boss dei veleni"Il pentito Fonti alla procura: lasciato solo
· Rifiuti tossici, screening a Crotonesul numero di tumori tra gli abitanti
· "Portatevi via quelle navi prima possibile"Il grido d'allarme dell'assessore calabrese
· Navi dei veleni, ora si cerca anche a terraRifiuti radioattivi nel greto del fiume Oliva
· Rotta verso la nave dei veleni"In 3 giorni sveleremo il mistero"
· Acque avvelenate, pesca proibitaMa il divieto viene ritirato
· Navi geostazionarie in cerca dei veleniinabissati con i cargo nel mare di Calabria
· Quei misteriosi tumori di Paoladove i giovani si ammalano di più
· Nave dei veleni, allarme di Veltroni"Verificare inquinamento di terra e acqua"
· Le 30 navi che avvelenanoil mar Mediterraneo
· Nave dei veleni, l'allarme all'Ue"Il pericolo va oltre la Calabria"
· Nave dei veleni, bidoni sospetti anche a terraUna task force a caccia dei rifiuti tossici
· Dal plutonio alle polveri di marmoil "cimitero" delle navi radioattive
· Nave dei veleni, l'appello del procuratore"Non abbiamo risorse, ora tocca al governo"
· Trovata la nave dei rifiuti radioattivil'hanno inabissata al largo della Calabria · Trovata la nave dei rifiuti radioattivil'hanno inabissata al largo della Calabria
·
Calabria al veleno - Un’area radioattiva

Nessun commento: