L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























venerdì 23 ottobre 2009

Palermo sequestrati alla mafia beni per oltre 2 milioni di euro

Palermo, sequestrati alla mafia beni per oltre 2 milioni di euro.





Palermo, sequestrati alla mafia beni per oltre 2 milioni di euro.



PALERMO: AGGREDITO IL PATRIMONIO ILLEGALE DELLA MAFIA. I CARABINIERI SEQUESTRANO AL BOSS DELLA FAMIGLIA DI CINISI (PA) BENI PER 2 MILIONI DI EURO.

Ammonta a 2 milioni di euro circa il patrimonio posto sotto sequestro dai militari della Compagnia Carabinieri di Carini in data 20 e 21 ottobre 2009.
Conti correnti, libretti postali, appartamenti, proprietà terriere e superficiali, licenze di attività di autonoleggio e di distributore di carburanti sono state dai Carabinieri poste a disposizione della Magistratura in quanto direttamente riconducibili alla famiglia mafiosa di Cinisi.
Il decreto di sequestro, emesso dalla Sezione per l’applicazione delle Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, giunge al termine di una complessa, articolata e prolungata attività
investigativa condotta dai militari della carabinieri
Compagnia Carabinieri di Carini finalizzata all’individuazione ed al sequestro dei beni riconducibili a DI MAGGIO Gaspare, 49enne di Cinisi reggente della locale famiglia, tutt’ora detenuto per il reato di associazione a delinquere di tipo mafioso.
Geometra, figlio di “Don” Procopio, ultranovantenne storico capo mafia di Cinisi, indicato da collaboratori di giustizia come componente della commissione provinciale di Palermo di “Cosa Nostra”, cui facevano parte, tra glia altri, RIINA Salvatore, BRUSCA Bernardo, CALO’ Giuseppe, MADONIA Francesco, PROVENZANO Bernardo e GIUFFRE’ Antonino, i “Corleonesi”, Gaspare Di Maggio risultava organicamente inserito, quale reggente, nella famiglia mafiosa di Cinisi.
E’ ristretto dal novembre 2007, data dell’arresto da parte dei Carabinieri del Reparto Operativo di Palermo in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo per il reato di associazione a delinquere di tipo mafioso finalizzata ad omicidi, narcotraffico, estorsioni, controllo appalti e forniture per opere pubbliche nonché per aver favorito la latitanza dei noti boss mafiosi LO PICCOLO Salvatore e LO PICCOLO Sandro.
Fratello di Giuseppe DI MAGGIO, pregiudicato scomparso nel 2000 e dopo pochi giorni rinvenuto in mare a circa due miglia dalla costa di Cefalù, ferito mortalmente con un proiettile alla nuca, legato e con i piedi zavorrati.
Il geometra di Cinisi ha avuto ininterrotte vicende giudiziarie che lo hanno visto destinatario di diversi mandati ed ordini di cattura nel tempo per associazione a delinquere di tipo mafioso, omicidi, ed altro, oltre ad essere imputato nei processi contro AGATE Mario + 59, AGLIERI Pietro + 23 e Salvatore RIINA + 27 (c.d. processo LIMA).
I provvedimenti di sequestro, decisi dai Giudici della Sezione per l’applicazione delle Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, su richiesta dei Magistrati della Procura, sono stati notificati ed eseguiti negli ultimi giorni.
In base alla articolata ricostruzione degli inquirenti, i beni sequestrati, tutti nel tempo intestati a prestanome al fine di renderne quanto più difficoltoso possibile il collegamento con gli indagati, hanno un valore sproporzionato rispetto ai redditi del soggetto e della famiglia e, pertanto, sono ritenuti il frutto di attività illecite.
A seguito di minuziose ricerche effettuate da militari della Compagnia di Carini, il Tribunale ha disposto il sequestro, tra gli altri, anche dei sotto elencati beni aventi, nel complesso, un valore di circa due milioni di euro:

1. un immobile sito nel centro di Cinisi, piano terra e primo piano;
2. un terreno sito a Cinisi in Contrada Carruba di Gabbia;
3. la proprietà superficiaria dell’area sede di un distributore di carburanti di proprietà della Agip Petroli S.p.A.;
4. l’impresa individuale con complesso dei beni aziendali di “trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente;
5. la licenza di gestione dell’area di servizio di proprietà dell’A.G.I.P. S.p.A., sita al km. 292 della SS. 113 in territorio del comune di Cinisi,
oltre a conti correnti, libretti postali e buoni fruttiferi.

Palermo, 23 ottobre 2009



  • Share/Bookmark



Sequestro beni indagine Rebus. Palermo: i carabinieri del R.O.S. hanno eseguito il sequestro di beni per un valore di circa 15 milioni di euro .

Sequestrati beni per 10 milioni di euro all’ex consigliere regionale Crea Pignatone: «Il sequestro è frutto di scrupolose indagini avviate nel 2001»

Sequestrati i beni a Mimmo Crea per svariati milioni di euro Melito di Porto Salvo, sequestrati beni per oltre 10 milioni di euro a Domenico Crea

‘Ndrangheta: beni per tre milioni di euro sequestrati dalla DIA di Catanzaro.

“Ndrangheta: Operazione “Shark”, 25 gli arresti eseguiti nella Locride, decimato il clan dei Cordì

Operazione della Dia nel Sud Milano: così la ‘ndrangheta ha provato a mettere le mani sul castello di Cusago

Guardia di Finanza : Sequestrati beni alla ‘ndrangheta per 2 milioni di euro.

Lo Giudice. Sequestrati beni per circa 14 milioni di euro


http://www.melitoonline.it/2009/10/23/palermo-sequestrati-alla-mafia-beni-per-oltre-2-milioni-di-euro/

Nessun commento: