L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























martedì 2 novembre 2010

Il cementificio brucerà rifiuti

Il cementificio brucerà rifiuti
Inceneritore, pubblicato bando
I rifiuti potrebbero essere bruciati nel cementificio di Fuorni. Il piano provinciale prevede una soluzione-ponte in attesa della realizzazione del termovalorizzatore, per cui è stato emanato il bando di gara
di Clemy De Maio


SALERNO. Cementifici per bruciare i rifiutipretrattati negli Stir, in attesa di un termovalorizzatore che - al netto di intoppi e scontri istituzionali - non sará pronto prima di tre anni. L’ipotesi è contenuta nel piano di gestione dei rifiuti stilato dalla Provincia, che oggi prevede di pubblicare il bando di gara per l’inceneritore ma che ne fissa al 2014 (in via «prudenziale») l’entrata in funzione. Nelle more si progetta di utilizzare il cementificio di Fuorni e quelli di Maddaloni (in provincia di Caserta), per bruciare la frazione secca che esce dall’ ex Cdr di Battipaglia e che ora finisce o nel termovalorizzatore di Acerra o in discarica.

Secondo il piano d’ambito della Provincia, nelle cementerie finirebbe circa il dieci per cento dei rifiuti solidi urbani in uscita dallo Stir salernitano, «oltre eventualmente a quello proveniente da altre province, sempre pretrattato».

Il ricorso ai cementifici è giá previsto nelle linee guida per la redazione del piano regionale sui rifiuti. Fu l’allora assessore all’ambiente Walter Ganapini (giunta Bassolino) a firmare nel 2009 un protocollo d’intesa con l’Associazione italiana del cemento per il via libera all’utilizzo dei loro forni, scatenando la reazione polemica degli ambientalisti e le proteste delle comunitá casertane, dove si trovano due dei tre cementifici campani. A Salerno, che al confine con Pontecagnano ospita il terzo, il dispositivo passò sottotraccia, ma ora torna d’attualitá con il piano di gestione provinciale e l’allarme per il progressivo esaurimento delle discariche. Si prevede che l’impianto di Fuorni possa dividersi, con gli altri due "forni" campani, un quantitativo di circa trentamila tonnellate all’anno.Rifiuti che andranno a sostituire in parte i combustibili tradizionali, previa verifica che questa spazzatura tritovagliata, stabilizzata negli Stir, sia coerente con le caratteristiche tecniche richieste dall’a ssociazione degli imprenditori del cemento (Aitec).
border=0


Secondo il testo approvato dall’esecutivo Cirielli, il ricorso ai cementifici è persino più vantaggioso del ciclo tradizionale: «Il recupero energetico della frazione secca nei forni delle cementerie - si legge nel documento - comporta quale ulteriore vantaggio una riduzione dei quantitativi di rifiuti conferiti in discarica, in quanto le ceneri di combustione prodotte all’interno del forno del cementificio hanno proprietá tali da potere essere inglobate nel prodotto finito», a differenza di quelle prodotte dagli inceneritori, che «devono essere conferite ad impianti idonei per il successivo smaltimento, ovvero in idonee discariche». Non significa che si rinunci al termovalorizzatore.
Tutt’altro: Palazzo Sant’Agostino accelera e conta di bandire giá oggi la gara d’a ppalto per un impianto da trecentomila tonnellate l’anno, abbastanza per bruciare l’immondizia della provincia di Salerno e accogliere una parte di quella prodotta nell’Avellinese e nel Beneventano. Il "ciclo" immaginato dal piano provinciale tiene conto di una produzione giornaliera di 459 tonnellate di immondizia in tutto il Salernitano.

Un quantitativo a cui si immagina di arrivare nel 2012, aumentando le percentuali di raccolta differenziata e riducendo così le 750 tonnellate di tal quale che il territorio produce adesso ogni giorno. Le 459 tonnellate previste diventerebbero 295 dopo il trattamento nello Stir, e da lì passerebbero al termovalorizzatore, insieme ad altre 500 provenienti da Benevento e, soprattutto, Avellino.

Il progetto della Provincia - a cui il Governo ha assegnato poteri commissariali - si scontra però con l’ostruzionismo di Palazzo di Cittá. Il sindaco De Luca ha chiarito più volte che non intende confermare la disponibilitá a ospitare l’impianto se al Comune non sará garantito il controllo sulla gara d’appalto.

Tra i due enti è braccio di ferro. Se Palazzo San’Agostino è pronto con la gara, la giunta comunale ha giá avviato l’iter per una variante urbanistica che cambia la destinazione dei suoli e li sottrae all’inceneritore, per realizzarvi un’area Pip con insediamenti artigiani.

La variante è in via di stesura negli uffici, poi sará approvata in giunta e dovrá essere pubblicata all’albo pretorio per quindici giorni per eventuali osservazioni; quindi passerá al vaglio del consiglio.
Il Pdl insorge: «De Luca - dichiara il vice coordinatore Antonio Iannone - agisce in disprezzo di ogni senso istituzionale».
© riproduzione riservata

(02 novembre 2010)










Discariche in Sicilia


Due ispettori dell'assessorato Territorio Ambiente Regione Sicilia, in mattinata hanno fatto VISITA all'Ufficio Tecnico Comunale di Isola delle Femmine

*IL nuovo piano Rifiuti Regione Sicilia

*Regione tagli ai gettoni dei Sindaci Rifiuti e Cementifici
*RIFIUTI - IN SICILIA SI CAMBIA?
*ANNO ZERO si farà
*Rifiutiamo i Rifiuti dell'amministrazione
*A quando la differenziata? Bugiardoni! Bugiardoni! Bugiardoni! Incapaci! Incapaci.......
*Rifiuti, la Regione taglia fondi a 159 sindaci
*Le mani della Mafia sui rifiuti Siciliani
*Relazione Commissione Parlamentare sui Rifiuti in Sicilia
*Convocazione Consiglio Comunale 7 ottobre Interrogazioni e Riequilibri Bilanci
*Rifiuti:occhio alla spazzatura, parte differenziata doc
*La ricchezza o la povertà la misuri dai rifiuti prodotti
*Rapporto sulle tecniche di trattamento dei rifiuti
*Rifiuti Zero Manifesto di Napoli
*RACCOLTA DIFFERENZIATA E RICICLO
*Ordinanza Sindacale affidamento Raccolta Rifiuti ditta AL.TA. s.r.l. Zuccarello SICAR
*ISOLA DELLE FEMMINE: Non ci resta che piangere
*Federalismo fiscale
*I Beni Comuni nello spezzatino del Federalismo
*SERIT SICILIA S.P.A. profili di illegittimità nella riscossione dei tributi
*COMUNI FISCO PARTECIPAZIONE ACCERTAMENTI RISORSE ECONOMICHE
*Italcementi Decreto 693 18 luglio 2008 Autorizzazione Integrata Ambientale
*Italcementi Delocalizzato a Palermo l'elettrodotto
*Cementifici e Territorio
*Italcementi, quando il gigante non è più ... buono
*BENVENUTI IN PARADISO 24 SETTEMBRE 2010 "La passeggiata"
*Condannato per diffamazione il dirigente regionale Salvatore Anzà
*BENVENUTI IN PARADISO oggi domani ieri e……
*Rifiutiamo i Rifiuti dell'amministrazione
*Rifiuti Regione Comuni Raccolta differenziata Circ 16/09
*Modalità di gestione dei Rifiuti
*Bilanci e Rifiuti Ass. Chinnici Circ 16 12/09 A/L Adempimenti Revisori dei Conti
*Rifiuti Regione Comuni Raccolta differenziata Circ 16/09
*Rifiuti il Comune di Marineo esce dall'ATO
*RIFIUTI CEMENTIFICI CDR PNEUMATICI INCENERITORE
*ATO RIFIUTI GESTIONE COSTI E DEBITI
*ATO Rifiuti Sentenza Corte Conti Tariffe Competenza Comuni
*A.T.O. "NON CI SONO SOLDI" I DEBITI DEI COMUNI
*Rifiuti la gestione Croce Portobello Zuccarello
*LIQUIDAZIONE 2010 A.T.O. PA1
*RIFIUTI debiti Isola delle Femmine con ATO PA 1 EURI 3.800.000
*RIFIUTI Disposiz prima del conferimento in discarica



Nessun commento: