L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























domenica 5 dicembre 2010

Wind Shear, la pioggia non ferma il popolo “no radar”

Corteo ad Isola delle Femmine

Wind Shear, la pioggia non ferma il popolo “no radar”

radar3


4 dicembre 2010 -  Il maltempo e la pioggia non sono riusciti a fermare il popolo “no radar” che questa mattina è tornato in piazza a manifestare contro l’istallazione dell’antenna wind-shear nell’ex base nato di Isola delle Femmine.
Noi il radar non lo vogliamo” hanno ribadito in corteo diverse centinaia di persone provenienti anche dai comuni vicini, che da Piazza Umberto I hanno raggiunto il luogo dove l’Enac vorrebbe posizionare il radar.
250.000 watt di potenza sulle nostre teste non li possiamo accettare” dicono i manifestanti che chiedono quindi che venga individuata una nuova postazione per installare l’impianto che dovrebbe servire a garantire la sicurezza nei voli per il vicino aeroporto Falcone e Borsellino.
Ieri il presidente della Regione Raffaele Lombardo ha adottato un documento con il quale chiede ad Enac, Enav, ministeri dell’Interno e dei Trasporti di “valutare l’opportunità di una diversa collocazione dell’antenna” contro il wind shear, per “rispondere alle preoccupazioni dei cittadini di Isola delle Femmine e garantire, al tempo stesso, la sicurezza dell’aeroporto di Palermo”.
A dir poco critico, invece, Vito Riggio, il presidente dell’Enac, che all’agenzia Italpress ha affermato: “La Regione cambia idea come le mutande“. “non è competente, l’ha già chiesto, abbiamo già detto no, la sicurezza è competenza nazionale”.
Ma il fronte no radar non si è arreso e questa mattina è sceso di nuovo in piazza, stavolta c’erano anche amministratori, politici e società civile dei comuni vicini.
Soddisfatto il sindaco di Isola delle Femmine Gaspare Portobello: “ringrazio i sindaci dei comuni vicini che hanno capito che non è solo un problema che riguarda Isola e sono scesi in piazza a manifestare, ringrazio anche il Presidente Lombardo per le sue ultime dichiarazioni che supportano la nostra protesta”




Enac, l'antenna wind-shear sara' realizzata a Isola Femmine

Presidente Riggio conferma scelta contestata da cittadini

04 dicembre, 18:22

(ANSA) - PALERMO, 4 DIC - ''L'apparato meteo di controllo del wind-shear (il vento di ricaduta tipico dell'aeroporto di Palermo) sara' realizzato a Isola delle Femmine (Pa)''.

Lo ribadisce il presidente dell'Enac, Vito Riggio, nel giorno dell'ennesima manifestazione di protesta dei cittadini di Isola, contrari all'antenna per i presunti rischi alla salute pubblica.

''Martedi' - afferma Riggio - il direttore generale di Enav comunichera' l'inizio dei lavori''. Il radar dovrebbe sorgere nella caserma demaniale concessa cinque anni fa all'Enav che ha progettato l'antenna.
(ANSA).



Trasporti: Musotto (Mpa), Radar antivento Palermo non si trasformi in storia kafkiana



Palermo, 4 dic.- (Adnkronos) - "Bene fa il Presidente Lombardo a chiedere che siano fatte tutte le verifiche e siano fugati tutti i dubbi sulla mancanza di rischi e sulla mancanza di alternative all'antenna radar contro il fenomeno del wind-shear all'aereoporto di Punta Raisi, ma crediamo che sia giunto il momento di mettere un punto fermo a questa vicenda e dare le risposte che i cittadini aspettano da troppo tempo." Lo dichiara Francesco Musotto, presidente dei deputati regionali siciliani del MpA che continua riaffermando che "se vi sono dubbi sulla salubrita' dell'impianto, e' giusto, anzi necessario, che questi vengano fugati dagli organi competenti, cosi' come e' giusto che nulla sia lasciato al caso o alle piu' improvvisate analisi e interpretazioni. Altrettanto giusto e' pero' che se ai tanti, tantissimi autorevoli pareri resi in diverse sedi (tutti attestanti non solo la necessita' dell'impianto ma anche la mancanza di rischi per l'abitato di Isola delle Femmine) non dovessero arrivare chiare alternative scientificamente fondate, sarebbe molto difficile spiegare ai cittadini il perche' dei continui rinvii."
"Non vorrei - conclude Musotto - che questa si trasformasse nell'ennesima storia kafkiana in Sicilia, dove all'uniformita' e unanimita' di pareri da parte di chi ha competenza ad esprimerli, si opponessero solo paure infondate e speculazioni politiche, col doppio negativo risultato di non garantire la sicurezza dei cittadini e sprecare possibili risorse per il territorio."
04/12/2010

http://www.libero-news.it/articolo.jsp?id=545150


  1. Windshear Progetto Esecutivo installazione antenna radar

  2. Commisione Ambiente 11 Giugno 2010

  3. Windshear Il principio di Precauzione e Prevenzione

  4. WINDSHEAR Interrogazioni parlamentari 1999

  5. Windshear Delibera Consiglio 86 20.12.06

  6. DELIBERA 27 CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 SETTEMBRE 2010

  7. IL Comitato NO radar a Isola delle Femmine chiede la convocazione URGENTE del CC

  8. ISOLA DELLE FEMMINE: Non ci resta che piangere

  9. Comunicato ENAV su Installazione Antenna a Isola delle Femmine

  10. A quando la differenziata? Bugiardoni! Bugiardoni! Bugiardoni! Incapaci! Incapaci.......

  11. Antenna wind-shear non è nociva per la salute? Chi lo dice

  12. Isola dichiara guerra all' antenna 'Ci stenderemo davanti al sito'

  13. Inquinamento elettromagnetico e malattie

  14. AEROPORTI: WIND SHEAR, ENAC "STOP POLEMICHE, ORDINEREMO INSTALLAZIONE"

  15. ACQUARIO MARINO A ISOLA DELLE FEMMINE

  16. La rete degli amici dall’Enac alla Rai

  17. INTERESSI OCCULTI dietro all'installazione del radar a Isola delle Femmine?

  18. La Famiglia Finmeccanica Selex Enac Enav Lorenzo Cola

  19. Finmeccanica, fondi neri inchiesta interna di Enav

  20. Finmeccanica, perquisizioni a sede Enav

  21. Wind Shear, la pioggia non ferma il popolo “no radar”

  22. Wind Shear Interrogazione Senatore Ferrante

Tira un brutto vento a Isola delle Femmine...


L'Enac ha annunciato l'imminente inizio dei lavori per l'antenna controlla wind-share. Il sindaco di Isola: "Chiamerò le forze dell'ordine"

Venerdì scorso la giunta regionale siciliana ha varato un documento con il quale ha chiesto al ministero dei Trasporti di valutare l'opportunità di una diversa collocazione dell'antenna radar per il controllo del wind share, il fenomeno del vento di ricaduta che si verifica nell’aeroporto di Palermo, "per rispondere alle preoccupazioni dei cittadini di Isola delle Femmine e garantire, al tempo stesso, la sicurezza dell’aeroporto".
Contro
il progetto dell'Enav, sostenuto anche dall’Enac, si è espresso il Comune di Isola delle Femmine, zona dove è prevista la collocazione dell'antenna, e la commissione nominata dalla Presidenza della Regione per la valutazione dei rischi, presieduta da Pino Apprendi (Pd).
La giunta ha assunto questa decisione dopo avere preso atto dell’esito dell’incontro dei giorni scorsi con Enac, Enav e commissione.
"Vogliamo che l’antenna si realizzi – ha detto il presidente della Regione, Raffaele Lombardonessuno giochi sull’equivoco in questa delicata materia, ma la vorremmo collocata altrove, in modo che la traiettoria non intersechi l’abitato di Isola".
La presa di posizione della giunta guidata da Lombardo ha scatenato la soddisfazione del sindaco di Isola delle Femmine, Gaspare Portobello: "Ringrazio il Governatore, spero adesso che il presidente Riggio si convinca".



E la risposta di Vito Riggio, presidente dell'Enac, non si è fatta attendere: "La Regione Siciliana cambia idea come cambia le mutande", ha detto a muso duro. "Il sito alternativo non c'è - ha aggiunto Riggio esplicitamente -. L'Ente nazionale per l'assistenza al volo ha dimostrato grandissima buona volontà visitando diversi luoghi alternativi proposti e trovandoli tutti inadeguati o impossibili per il tipo di lavoro che si deve fare. L'unica alternativa - ha detto ancora - è non installarla", ma "noi abbiamo il compito di garantire la sicurezza e metteremo l'antenna così come è stato stabilito da chi è competente in materia". "Ribadisco l'assoluto rispetto costituzionale di manifestazione del pensiero - ha concluso Riggio - ma anche il dovere costituzionale di chi esercita funzioni pubbliche, a qualunque livello, di svolgerle con dignità, onore e serietà. In questo caso poiché sono del tutto irrealistiche le ipotesi di spostamento dell'apparato meteo, addirittura a mare, e inesistenti i rishi di ricaduta sulla salute pubblica, confermo che presto l'Enav annuncerà l'inizio dei lavori nel luogo prescelto di Isola delle Femmine".


Stamane Massimo Garbini, direttore generale dell’Enav, ha annunciato: "Entro dieci giorni cominceremo i lavori per installare l’apparato meteo di controllo wind-shear nella caserma demaniale di Isola delle Femmine". "Il radar sarà ultimato – ha aggiunto – entro quattro mesi, poi partiranno le fasi di sperimentazione che si protrarranno per altri otto mesi". Rispetto alle proteste dei cittadini e dell’amministrazione di Isola delle Femmine contrari all’installazione Garbini ha detto: "Noi facciamo il nostro dovere per garantire la sicurezza dei voli. Abbiamo tutti i permessi. Nel tempo abbiamo montato 40 radar in tutta Italia, tra cui uno a Milano e uno a Roma vicini ai centri abitati senza alcun pericolo, come dicono anche gli studi sanitari, per la salute della popolazione". Per il direttore dell’Enav "solo se posizionato ad Isola delle Femmine il radar consentirà l’utile sorveglianza dello spazio aereo dove si sviluppa il 99% degli atterraggi nello scalo limitrofo di Punta Raisi". "Nessun altro sito – ha precisato – nonostante tutte le ricerche compiute è risulato idoneo per montare l’antenna".
"Abbiamo dimostrato che le radiazioni elettromagnetiche emesse dal sistema del radar per il controllo del wind shear non provocano alcun danno e lo ha certificato anche l’Istituto nazionale della Sanita. Non esistono perciò ostacoli per montare il radar a Isola delle Femmine” ha detto Vito Riggio a margine di un convegno a Palermo sulla sicurezza nei voli. "Chi si oppone alla sua installazione si assumerà le proprie responsabilità – ha aggiunto – nostro compito e quello di tutelare i passeggeri. Non si comprende perché la giunta regionale continui ad essere contraria al radar. Siamo a disposizione della procura di Palermo che ha già avviato un’indagine ed è a conoscenza dei fatti, per dimostrare che questo congegno è totalmente innocuo". "L’Enac continui ad essere un’autorità indipendente non solo dalla politica – ha concluso Riggio – ma da qualsiasi altro potere".

"L’Enav non ha alcuna autorizzazione per iniziare i lavori per installare il radar per il controllo del fenomeno del wind-shear a Isola delle Femmine" ha infine affermato il sindaco del comune nel palermitano, Gaspare Portobello. "Finora l’Ente nazionale aviazione civile - ha aggiunto - ha soltanto un decreto dell’assessorato regionale all’Ambiente che attesta soltanto che l’antenna rispetta conformità urbanistica. Anche l’Arpa, l’agenzia regionale prevenzione ambientale, si è espressa negativamente sul progetto".
"Se dovessero iniziare i lavori – ha annunciato – mi rivolgerò alle forze dell’ordine per bloccarli. Noi temiamo per la salute dei nostri cittadini".

[Informazioni tratte da Adnkronos/Ing, Ansa, GdS.it, Italpress, Corriere del Mezzogiorno, LiveSicilia.it]

- Wind-shear, or not wind-shear? (Guidasicilia.it)

Nessun commento: