L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























lunedì 27 dicembre 2010

Compra un voto’

Fatti di mafia a Isola delle Femmine:

 

  1. ADDIO PIZZO 5. LA MAFIA SI FA IMPRESA

  2. OPERAZIONE ADDIOPIZZO 5. DI BELLA, D’ANNA E BRUNO I CAPIMAFIA DEL NOSTRO COMPRENSORIO  

  3. MAXIRETATA ANTIMAFIA A PALERMO E PROVINCIA. ARRESTI ANCHE A CARINI, MONTELEPRE, TORRETTA, ISOLA DELLE FEMMINE, CINISI E TERRASINI  

  4. Quei beni non sono di Madonia




Compra un voto’. Su Internet nasce un nuovo strumento di democrazia dal basso

 

‘Compra un voto’. Su Internet nasce un nuovo strumento di democrazia dal basso

di Redazione Il Fatto Quotidiano
26 dicembre 2010

Provocatoria iniziativa di un sito online: un gruppo di cittadini interessati a una legge può comprare un parlamentare e farsi votare la norma. Per contribuire al controllo del Paese bastano 10 euro a testa, il costo di appena due birre

La compravendita dei voti va di moda in Parlamento. E ora potrebbe diventare un nuovo strumento di democrazia diretta. Ad acquistare il deputato o il senatore di turno questa volta sarà un gruppo di cittadini, con un versamento di soli 10 euro a testa. E’ la provocatoria iniziativa del sito compraunvoto.it. “Sei vittima di un disegno di legge che ti penalizza?  – chiedono gli ideatori – Sei uno studente che rischia di vedere il suo futuro gettato al macero? Un cittadino qualunque costretto ad accettare una discarica tossica nel giardino di casa?”. Niente paura. “Non solo i soliti potenti. Adesso anche tu puoi contribuire al controllo di questo Paese al costo di appena due birre”.

Sarebbe una forma rivoluzionaria di partecipazione dal basso alla vita pubblica. Chiunque sia interessato a un provvedimento si mette d’accordo con altre persone, offre del denaro a un parlamentare, e ha la sua piccola legge ad personam approvata. Ma come avere la certezza che il collega di Scilipoti mantenga la promessa? Semplice. Il politico può batter cassa solo dopo aver espresso la sua preferenza. E se in aula si sceglie la procedura di voto non palese? “Starà al parlamentare concordare con lo staff un modo sicuro di dimostrare il proprio voto – si spiega sul sito – basta, ad esempio, entrare ed uscire dall’aula al momento opportuno, o anche un semplice video con il cellulare”. Sui possibili parlamentari da contattare c’è già qualche idea: “Vedo che il buon Bondi ha ripreso a fare il pianista – scrive nei commenti un navigatore che si firma ‘bambaInParlamento’ -. Magari possiamo contattarlo, magari ci fa un paghi uno, voti 2, 3, 4, etc.”.

La prima campagna acquisti è stata lanciata per affossare il ddl Gelmini. Hanno aderito 416 persone, che hanno promesso il loro contributo: 10 euro a testa, fan 4.160 euro per comprare il voto di un senatore. Forse è tardi, visto che la riforma dell’università è già stata approvata. Ma resta una domanda: “Perché cercare rifugio nella contestazione o peggio nella violenza? In una cleptocrazia avanzata come la nostra bastano un po’ di soldi per decidere le sorti del paese. Rovinare le nostre belle piazze con manifestazioni e tafferugli non serve più”.



Per chi vuol vendersi

 

Sei un parlamentare che vuole vendere il suo voto?

Hai bisogno di arrotondare le tue entrate con un piccolo extra?

Da oggi anche tu puoi farlo grazie alla nostra piattaforma. Ti assicuriamo discrezione e celerità nei pagamenti.

 



A grande richiesta lanciamo la campagna acquisti per l’affossamento del DDL Gelmini. L’obiettivo è ambizioso: per bloccare la legge dobbiamo riuscire a comprare un manipolo di senatori. Ma tutti insieme possiamo farcela! In poche ore abbiamo già registrato migliaia di adesioni, di questo passo il successo è assicurato.

Pensa al tuo futuro e metti mano al portafoglio, compra anche tu un voto al Senato.

Nessun commento: