L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























domenica 8 maggio 2011

La bambina e il Grande Torino

La  storia che riportiamo, può apparire nel contesto di questo blog fuori luogo, ma tale NON è.
Per me è uno spicchio di realtà fonte di VALORI che sono stati alla base della formazione non solo di una "GRANDE" squadra, ma di un'intera Comunità che ai giocatori trasmetteva entusiamo passione gioia amicizia, senso del dovere e senso di appartenenza. Un modello ed un'esempio fonte di insegnamento e di indicazione per lo sviluppo armonico di una Comunità.



La bambina e il Grande Torino

Una storia vera, mai rivelata prima d'ora
      Valentino Mazzola

Dimenticate il resto della vostra vita per due minuti. Immaginate. Immaginate la primavera del 1949, appunto. Calatevi nella realtà dell'epoca. Chiudete gli occhi per un attimo, poi riprendete a leggere. Il Grande Torino imperversa. I giocatori di questa meravigliosa squadra sono famosissimi. Una bambina li conosce tutti. E' una bambina molto piccola, vive in mezzo ai prati e ai boschi. Ogni tanto li vede arrivare, questi ragazzi, proprio dove lei abita... e i suoi occhi sono carichi di curiosità.
Andate al Parco del Meisino o giù di lì e guardate la Collina di Superga. Da sotto la Basilica, tracciate una linea immaginaria, verso il basso. Arriverete senza ostacoli al Trun o Tron, una misteriosa villa, situata a mezza costa, quasi una sentinella sulla pianura e sulle lenzuola bianche messe ad asciugare dalle lavandaie di Bertolla. Villa Trun, con l'annesso antico complesso agricolo, è situata nel tratto di collina tra Borgata Rosa e Superga, in un'area frequentata da tutti gli abitanti della Borgata, sia per raggiungere la Basilica, sia per le scampagnate domenicali delle famiglie della zona, che trovano ampia possibilità di svago, in quest'ambiente molto ricco di vegetazione.
 
Trun, casa padronale e cascina, vigna con l'orto, mezzadri, animali di proprietà (mucche, galline, conigli). Una spianata di 10.000, forse 12.000 mq; muri, muri alti fino a 18 metri, muri di pietra e mattoni tenuti insieme dalla famosa calce di Superga. Gli scoli delle acque, costruiti con i mattoni. Nella villa ci sono quattordici camere grandi, tutte riscaldate con stufe di Castellamonte.
Il Trun è il palazzotto del dirigente accompagnatore Ippolito Civalleri, tifosissimo Granata e braccio destro di Ferruccio Novo, il Presidente del Grande Torino. Civalleri, dirigente alla SNIA Viscosa, è un vero signore, piemontese di vecchio stampo, simpatico, gentile, disposto alla chiacchiera, cordiale e di buon carattere ma, quando s'inalbera, è meglio girare al largo. I giocatori lo amano, si fidano di lui e un po' lo temono, anche. La villa, dicevamo, è situata in uno stupendo complesso rurale e Andreina, la bambina che conosce tutti i giocatori, è la figlia del mezzadro.
Il Trun fu costruito per volontà di un nobile spagnolo, nel 1700, spianando un'area molto estesa, a forza di braccia e poveri attrezzi. Era il tempo di un'occupazione militare in Piemonte, una delle tante. La prova della presenza degli Spagnoli? Le  coltivazioni di alberi da frutto tipici della penisola iberica. La villa, in origine, aveva un altro nome che si è perduto nel tempo, a favore dell'attuale, in quanto è stata sempre identificata come "Villa dal Trun" proprio dagli abitanti di Borgata Rosa. "L'etimo toponomastico" deriva dal fatto che quando le correnti calde arrivano da Levante, evolvendo in temporali, le prime folgori e i primi tuoni ("trun" in dialetto Torinese) si scatenano nella zona tra la villa e la sommità di Superga.  Questo era considerato dai locali un "avvertimento" dell'imminente temporale, in arrivo anche sulle rive del Po. 

                  Civalleri
Bene, il Trun è di proprietà di Civalleri e, quando il Grande Torino gioca in casa, capita spesso, il sabato, che la squadra si raduni per una merenda sinoira, magari nel giardino, nei pressi del viale di malva e ibisco. La cappelletta, i sentierini. Angoli per meditare e trovare forza. I giocatori fanno gruppo, si rilassano, si concentrano. Parlano degli avversari, studiano la tattica. Erbstein. Parla bene l'Italiano e nel corso della riunione tecnica presenta ai giocatori la partita dell'indomani. Nei pressi circolano il cane lupo di Civalleri e Layla, la cagnetta della figlia del "Civa".
Il "Torino" si muove con il "Conte Rosso", che viene parcheggiato a lato della Strada per Superga, a poche centinaia di metri dalla villa di Civalleri. L'accesso alla carrareccia è in faccia ai giardini della famiglia Camerana, l'arco d'ingresso non c'è ancora, si passa dal cancello grosso. I giocatori si fanno una breve passeggiata. Anche la gente del posto... cammina. Tanto. Cammina per il bosco, anche. Il bosco, ecco. E' una risorsa importante. Fornisce cibo. E' pieno di prede, ma non ci sono cinghiali. Esatto, nessun cinghiale, nel 1949. Lepri, volpi, tassi, invece. Le piante: materiale edile, specialmente per le travi dei tetti. I pali per le vigne. La legna per il riscaldamento e per cuocere il pane. I rametti: si usano per accendere il "primo fuoco", si adoperano per la coltivazione dei fagioli, si raggruppano per costruire ramazze; le foglie vengono usate nella stalla, come lettiera. Tutto si utilizza e riutilizza, cenere compresa. La corteccia degli alberi e la concia delle pelli. L'erica, che è usata per l'allevamento dei bachi da seta; i funghi; i vari fiori, i mughetti che sono venduti al mercato. Le nocciole. Le castagne. I frutti di bosco. Le ghiande. Le pietre. Serve tutto.

I giocatori del Grande Torino. Si divertono, ridono, esplorano; discutono tra di loro, ascoltano i tecnici, preparano la partita, guardano il paesaggio. Guardano in basso, verso il fiume, verso Torino, dalla spettacolare terrazza-belvedere. Guardano in alto, verso le montagne e verso la Basilica, verso il cielo. Sì, guardano la Basilica. La Basilica di Superga, che è poche centinaia di metri, in linea d'aria, esattamente sopra di loro. Un'altra delle mille incredibili storie del Toro: i nostri EROI preparano le sfide, esattamente sotto la Basilica dove il Fato li vincerà.
I 4 dell'Ave Maria. Il personale che lavora al Trun li chiama così. Sono Bacigalupo, Loik, Martelli e Gabetto: chiacchierano tanto, scherzano e si sfottono, sempre con garbo, senza usare parolacce, frequentando il campo di bocce, sempre ben curato. Antonio è il fratello di Andreina e fa il raccoglibocce.
I vincitori sono portati in trionfo dai perdenti. Il festeggiamento è un po' criticabile, a volte, come nel caso dello strano giro d'onore per Baci e Gabetto, ficcati dentro ad una botte usata come pozzo nero per i prati e portati a destra e a sinistra, su un traballante carretto a due ruote.
A volte i giocatori del "Torino" sono un po' bizzarri: anche se ammirati ovunque e considerati dai brasiliani come i migliori del mondo, sono ancora molto giovani, sono "i ragazzi". Sono simpatici, ognuno a modo suo.

L'esuberante Ballarin.
Il più che esuberante Rigamonti.
E’ Bacigalupo, però, il più scatenato: batte anche "Riga". Valerio, per le bocce, poi, impazzisce proprio. Il calcio, in fondo, non gli piace così tanto, anche se i bocia che abitano vicino a lui lo invitano sempre a tirare due calci al pallone e Baci non rifiuta mai: non può deludere i suoi piccoli tifosi.

Capitan Valentino è affabile, simpatico anche lui, ma gira da solo, supera le siepi di bosso, le piante di spirea, il biancospino, i cespugli di aromi, i gusti; il Capitano cammina per i prati, per poi fare una breve siesta sotto l'ippocastano. Per gli antichi Celti, l'Ippocastano era simbolo di Integrità e Lealtà.
Ossola è un po' schivo, un po' timido.
Castigliano. Qualcuno dice che è un tipo truce. La gente che lavora al Trun pensa che non sia vero, anzi. Il suo famoso numero della monetina, infilata nel taschino con un colpo di tacco. Maroso è ancora più bravo, però, come giocoliere. Maroso è allegro. Maroso con i suoi completini grigini e Rigamonti con le sue giacche Principe di Galles hanno una passione per le mucche, non vedono l'ora di precipitarsi nella stalla, interessandosi alla mucca tale, al vitellino, a questo, a quello.


E' il 4 maggio 1949. Dal Trun nessuno si accorge di nulla. Nessun rumore. Niente radio, per il personale. Poco sotto, nell'allagata Borgata Rosa, invece, la gente guarda con apprensione all'acqua che minaccia le case; c'è un po' di caos e il ponte di San Mauro è pericolante. All'improvviso viene avvertito un gran boato; qualcuno dice di intravedere un'enorme colonna di fumo. E' successo qualcosa di molto grave, sicuramente. Molti uomini della Borgata si vestono velocemente e alla meglio, la pioggia è scrosciante: s'inerpicano sulla collina, unendosi ai residenti di Superga. Con ritardo, la notizia arriva anche al Trun: "Sono morti tutti! Il signore! Il signore è andato a Lisbona! E' morto anche lui! E' morto il commendatore! Monsù Civalleri!".
Il resto lo sapete.

Grazie alle amiche e agli amici, che hanno aperto il cuore e il bagaglio di ricordi per permettermi di scrivere questo testo. Grazie, Andreina, soprattutto.
Andreina Angrisani

Firmato: Dottor Puzzetto
Note:
- il Tron del Grande Torino non è da confondere con quello di Strada Fenestrelle
- il suggestivo percorso pedonale dei giocatori del Grande Torino è ancora oggi agibile, con qualche cautela, fino all'ingresso (attualmente secondario) del Trun; bisogna fare attenzione alle buche scavate dai cinghiali e ad alcuni fittoni poco visibili, piantati nel terreno
- l’ingresso "moderno" del Tron è situato poco sopra Corso Casale

Fonte:   http://www.toronews.net/?action=article&ID=21905

Ringraziamo il dottor Puzzetto di averci concesso la possibilità della pubblicazione. Il Ringraziamento va esteso all'editore TORONEWS

Caro Pino,



La ringrazio per le bellissime parole!


La autorizzo a pubblicare il pezzo, Le chiedo solo la cortesia di citare la fonte www.toronews.net e di inserire il link all'articolo originale stesso: questo solo per accordi con l'editore di Toro News.


Andrò molto volentieri a visitare il Suo blog.


Un cordialissimo saluto e ancora grazie.


 Mazzola,Puzzetto,Grande Torino,1949,Civalleri,Lisbona,Superga,
Castigliano,Angrisani,Benfica,Bacigalupo,Aldo Ballarin,Dino Ballarin,Emile Bongiorni,Eusebio Castigliano,Rubens Fadini,Guglielmo Gabetto,Ruggero Grava,Giuseppe Grezar,Ezio Loik,Virgilio Maroso,Danilo Martelli,Valentino Mazzola,Romeo Menti,Piero Operto,Franco Ossola,Mario Rigamonti,Julius Schubert

Nessun commento: