L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























martedì 20 dicembre 2011

Interrogaione Parlamento Europeo Insostenibile inquinamento dell'aria nei comuni di Este e Monselice (Padova) a causa delle emissioni dei cementifici

Interrogazione con richiesta di risposta scritta P-012302/2011
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Andrea Zanoni (ALDE)
Oggetto:      Insostenibile inquinamento dell'aria nei comuni di Este e Monselice (Padova) a causa delle emissioni dei cementifici
In Italia, nei Comuni di Este e Monselice, in un raggio di 5 chilometri e all'interno del Parco regionale dei Colli sono in funzione tre cementifici. Il parco rientra nei siti di interesse comunitario ("Natura 2000") e il suo piano ambientale definisce i cementifici incompatibili con le finalità del parco, sollecitandone la riconversione o la delocalizzazione. Ciononostante, la Provincia di Padova ha espresso parere favorevole sulla compatibilità ambientale di un progetto di rinnovamento dello stabilimento Italcementi di Monselice, che permetterebbe di prolungarne l'attività per altri 30 anni. Il tribunale amministrativo regionale (TAR) del Veneto  ha riconosciuto il contrasto tra l'intervento progettato e le norme del piano ambientale e, sul ricorso promosso dall'azienda e da altri enti, il 17 gennaio 2012 si pronuncerà il Consiglio di Stato. A causa dell'elevato inquinamento il "Piano di tutela e risanamento dell'atmosfera" ha collocato i comuni di Este e Monselice in "zona A" – da risanare. Le attuali normative, e in particolare il decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152, che recepisce la direttiva IPPC (2008/1/CE) ancora vigente, prevedono per i cementifici in oggetto limiti di emissione come sotto riportato: polveri totali: 30 mg/Nm3; biossido di zolfo: 600 mg/Nm3; ossido di azoto: 1.800 mg /Nm3.
Sorprendentemente, per gli inceneritori il decreto legislativo 11 maggio 2005, n.133, in attuazione della direttiva 2000/76/CE, prevede i seguenti limiti di emissione: polveri totali: 10 mg/Nm3; biossido di zolfo: 50 mg/Nm3; biossido di azoto: 200 mg/Nm3.
Appare evidente la macroscopica ed incomprensibile diversità dei limiti di emissione tra cementifici e inceneritori per gli stessi inquinanti pericolosi per la salute. Ancora più incomprensibile risulta l'agevolazione ai cementifici, se si considera che le quantità assolute in peso (concentrazione x portata) dei sopraccitati inquinanti sono normalmente assai superiori per un cementificio rispetto a quelle di un inceneritore. Non si tiene conto, nel fissare i limiti di emissione, della distanza tra i tre cementifici i cui limiti di emissione sono tra i massimi consentiti dalla legge. La popolazione dell'area del parco si trova a dover sopportare un carico di inquinamento ben superiore a quello, già molto elevato, di un singolo cementificio.
Alla luce di quanto esposto, la Commissione non ritiene necessario e urgente abbassare i limiti di emissione dei cementifici per adeguarli almeno a quelli degli inceneritori, in particolare in funzione: a) dell'effettiva distanza dei cementifici tra di loro e b) delle distanze dagli insediamenti abitativi e della loro collocazione all'interno di territori protetti?
Data:  15.12.2011       

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE 5 DICEMBRE E-6057/07IT Risposta data da Stavros Dimas a nome della Commissione

Ufficio Stampa On. Andrea Zanoni

Email stampa@andreazanoni.it

Tel (Bruxelles) +32 (0)2 284 56 04

Tel (Italia) +39 0422 59 11 19

Sito http://www.andreazanoni.it/

Twitter Andrea_Zanoni

A.I.A.,Interrogazione Parlamento Europeo,B.A.T.,BAT,CROMO ESAVALENTE,DECRETO 693 2008,IPPC,Italcementi, MERCURIO,PETCOKE,PIOMBO,Sodano,TAR PALERMO RICORSO 2592 2008,TUMORI,Zanoni,ZINCO,ZOLFO

Nessun commento: