L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























martedì 24 gennaio 2012

MUNNEZZA 19 GENNAIO 2012 A ISOLA DELLE FEMMINE

MUNNEZZA 19 GENNAIO 2012 A ISOLA DELLE FEMMINE


Forse è il caso di precisare GIURIDICAMENTE  il COMUNE è responsabile delle violazioni ed inadempimenti inerenti la raccolta dei rifiuti solidi urbani, nonché colpevole dei danni, disagi e disservizi ai Cittadini  per le inalazioni nocive e di tutti gli altri danni provocati ai Cittadini  a causa della mancata raccolta differenziata e dei pericoli ambientali ed igienico-sanitari e, per tale motivo, il Comune è perseguibile e condannabile  al rispettivo e proporzionale risarcimento di tutti i danni, patiti e patendi: patrimoniale, alla persona, morale, alla salute, esistenziale, alla vita di relazione, all’immagine, nonché per i disagi e usurpazione del tempo impiegato ad eseguire la raccolta differenziata mai espletata dall’Amministrazione Comunale.

Via dei Villini Isola delle Femmine
a ridosso della scogliera
di fronte alle case dei PESCATORI
a pochissimi passi dalla sede
della POLIZIA MUNICIPALE


LA COLPA DEI SINDACI NEL FALLIMENTO DEGLI ATO


Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.
Altro elemento di distorsione nel funzionamento delle società d'ambito concerne la frequente e pressoché sistematica elusione delle regole di evidenza pubblica nella scelta delle imprese cui affidare i lavori, imprese spesso prive dei necessari requisiti di professionalità, caratterizzate da assunzioni clientelari, che in molti casi, come accertato dalla Commissione, hanno riguardato individui con pregiudizi penali, o legati da rapporti di parentela con soggetti pregiudicati.Le criticità di ordine economico finanziario degli ATO hanno quindi avuto ricadute gravissime nella gestione del ciclo dei rifiuti nella regione siciliana, contribuendo a determinare situazioni di altrettanto grave pregiudizio per la salubrità dell'ambiente e, quindi, la salute dei cittadini.





Viale Marino Isola delle Femmine
munnezza a ridosso delle civili abitazioni
e a pochi metri dalla spiaggia


L’art. 198 (competenze dei comuni) del D.L.vo 152/06 (norme in materia ambientale) conferisce ai Comuni le competenze della gestione dei rifiuti nell’ambito del proprio territorio

 




Inoltre, l’art. 191 (ordinanze contingibili e urgenti e poteri sostitutivi) del D.L.vo 152/06 (Norme in materia ambientale), conferisce ai Sindaci il potere di emettere, nell'ambito delle proprie competenze, ordinanze contingibili ed urgenti per consentire il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiuti, anche in deroga alle disposizioni vigenti, garantendo un elevato livello di tutela della salute e dell'ambiente, giusta disposizione art. 13 D.L.vo 22/97, al fine di localizzare, ovvero realizzare un’area, nell’ambito del territorio comunale, da adibire a sito di trasferenza temporaneo dove allocare, provvisoriamente, i rifiuti in giacenza

 

Viale Marino Isola delle Femmine
munnezza addossata al
PARCO URBANO
munnezza addossata al
PARADISO SUL MARE
il LUNGOMARE di ISOLA DELLE FEMMINE


Viale dei saraceni Isola delle Femmine
la spiaggia  di Isola delle Femmine

Viale dei Saraceni
di fronte al mare
a lato dell'Hotel
La Sirenetta



Via Kennedy Isola delle Femmine
vicino all'abitazione della
Presidente della Commissione Ambiente
del Consiglio Comunale






Via Kennedy Isola delle Femmine
una striscia di 76 metri di lunghezza





Via Garibaldi Isola delle Femmine
a pochi passi dal cimitero
a 30 metri dell'ospedaletto
a 70 metri del supermercato AI.Rom
munnezza addossata a civili abitazioni


Via Garibaldi Isola delle Femmine
di fronte alla Scuola Materna


Via Falcone Isola delle Femmine
munnezza addossata a civili abitazioni
e a pochi passi
 dalla scuola media


Via Falcone Isola delle Femmine
16 metri e ci trovi la scuola media oltre
che a civili abitazioni



Via Falcone Isola delle Femmine
di fronte alla scuola materna
LA GIRANDOLA
due passi si raggiunge
l'OSPEDALETTO
spostandosi a sinistra
si trova il SUPERMERCATO




Mentre riprendo fotograficamente questa triste ed inquinante realtà mi chiedo:


“ Ci sarà pur “qualcuno” che è responsabile di questo DISASTRO AMBIENTALE,  questo “qualcuno” non pensa alle conseguenze sanitarie che ricadranno sui suoi Concittadini per non aver “LUI” ottemperato agli obblighi che la LEGGE gli affida?

E mentre fotografo continuo a chiedermi:

Solo noi volessimo e come peraltro la LEGGE impone, queste montagne di munnezza, non potrebbero diventare delle piccolissime e quasi invisibili “collinette” solo riuscissimo a dare “valore” alla munnezza?

Come?

Per esempio, facendo la raccolta differenziata? E solo a scopo informativo dico a questo “qualcuno” che oltre ad essere irresponsabile è anche reo di REATO che il Codice Penale rubrica come Disastro Ambientale* C'è da aggiungere che questo  “qualcuno” è anche responsabile di danno erariale.

PERCHE?

Non differenziando a munnezza, la quantità che andiamo a conferire in discarica sarà chiaramente maggiore e quindi pagheremo molto ma molto ma molto ma molto di più a conferire in discarica.

Mi viene automaticamente da chiedermi ma chi paga questa cifra in PIU’?

Naturalmente il Cittadino.

Naturale mi viene anche da chiedermi: Non è forse il nostro “qualcuno” responsabile di questa MAGGIORAZIONE della tassa che io Cittadino Pago?

Sarà forse per tutte queste ragioni che il nostro ASSESSORE pupillo del “qualcuno" la mattina di sabato 2 aprile del 2011 in Via Garibaldi a Isola delle Femmine, mi ha aggredito, allo scopo di impedirmi di fotografare la montagna incantata dei rifiuti che si era formata a causa dell’ennesima “emergenza rifiuti”

Parecchie volte mentre fotografo mi chiedo ma a “chi giova” no tutte queste emergenze, chi ci guadagna e poi chi ci rimette in salute e soldi?
Non sembri la constatazione fuori luogo quella delle EMERGENZE! Panso a quante EMERGENZE noi Cittadino abbiamo subito nell'ultimo anno?
Mi chiedo se "Qualcuno" con la collaborazione dell'Assessore può informare i Cittadini di Isola delle Femmine quale è stato il costo di ogni emergenza PROCURATA


Non posso più pensare devo scappare sta’ sopraggiungendo l’Assessore pupillo… scappo…….

Nessun commento: