L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























giovedì 9 agosto 2012

DECRETO Scioglimento del consiglio comunale di Mongiana e nomina della commissione straordinaria L’assedio alla procura di Palermo sotto il “Generale Agosto”


Gazzetta n. 179 del 2 agosto 2012 vai al sommario

PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA

Scioglimento del consiglio comunale di Mongiana e nomina della commissione straordinaria

VIBO VALENTIA

Il Consiglio dei ministri 
ha sciolto il comune di Mongiana


Sciolto per infiltrazione della criminalità organizzata nell'attività amministrative il consiglio comunale di Mongiana nel Vibonese. Era guidato dal 2009 dal sindaco Rosamaria Rullo che aveva battuto alle elezioni il sindaco uscente Vito Scopacasa
BRUNO VELLONE

Il municipio di Mongiana

MONGIANA – Il consiglio dei ministri su proposta del Ministro degli Interni Annamaria Cancellieri ha deliberato lo scioglimento del consiglio comunale di Mongiana «ai sensi della normativa antimafia». Si conclude cosi l’esperienza amministrativa dell’amministrazione comunale guidata dall’ex primo cittadino Rosamaria Rullo in carica dal 2009, dopo aver vinto alla testa di una lista di centrodestra le elezioni per soli 18 voti di scarto contro l’ex primo cittadino Vito Scopacasa che si era ricandidato alla guida di una compagine di centrosinistra. Nel settembre dello scorso hanno si era insediata la Commissione d’accesso inviata dal prefetto di Vibo Valentia Luisa Latella e formata dal Capo di Gabinetto del Prefetto di Vibo Valentia Anna Aurora Colosimo, dal dirigente del Commissariato di Polizia di Serra San Bruno Domenico Avallone e dal Maggiore dei Carabinieri Vittorio Carrara. Compito dei commissari passare al setaccio gli atti amministrativi per accertare presunte infiltrazioni mafiose che abbiano compromesso la libera determinazione degli organi elettivi e il buon andamento dell’amministrazione comunale, nonché il regolare funzionamento dei servizi. Tre mesi non erano bastati alla Commissione d’accesso per fare luce su quanto fosse accaduto nel comune di Mongiana e puntualmente era giunta la proroga che aveva avuto termine il 27 marzo scorso. Successivamente il Prefetto di Vibo Valentia Michele di Bari aveva provveduto a trasmettere la relazione conclusiva che andava nella direzione dello scioglimento del consiglio comunale per infiltrazioni mafiose. Il tutto confermato anche nella riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza. La parola è quindi passata al ministro degli interni Annamaria Cancellieri che, ravvisandone le condizioni, ha chiesto al Consiglio dei Ministri lo scioglimento del consiglio comunale e la nomina della commissione straordinariache durerà in carica diciotto mesi, prorogabili di ulteriori sei mesi fino a due anni in totale, fino al primo turno elettorale utile, quando gli elettori mongianesi torneranno alle urne per scegliere una nuova amministrazione comunale.



IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Considerato che nel comune di Mongiana (Vibo Valentia) gli organi elettivi sono stati rinnovati nelle consultazioni amministrative del 6 e 7 giugno 2009;
Considerato che dall'esito di approfonditi accertamenti sono emersi collegamenti diretti ed indiretti tra componenti del consesso e la criminalita' organizzata locale;
Ritenuto che la permeabilita' dell'ente ai condizionamenti esterni della criminalita' organizzata arreca grave pregiudizio per gli interessi della collettivita' e determina lo svilimento e la perdita di credibilita' dell'istituzione locale;
Ritenuto che, al fine di porre rimedio alla situazione di grave inquinamento e deterioramento dell'amministrazione comunale di Mongiana, si rende necessario far luogo allo scioglimento del consiglio comunale e disporre il conseguente commissariamento, per rimuovere tempestivamente gli effetti pregiudizievoli per l'interesse pubblico ed assicurare il risanamento dell'ente locale;
Visto l'art. 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267;
Vista la proposta del Ministro dell'interno, la cui relazione e' allegata al presente decreto e ne costituisce parte integrante;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 6 luglio 2012;

Decreta:

Art. 1

Il consiglio comunale di Mongiana (Vibo Valentia) e' sciolto per la durata di diciotto mesi

Art. 2

La gestione del comune di Mongiana (Vibo Valentia), e' affidata alla commissione straordinaria composta da:
dr.ssa Maria Carolina Ippolito - viceprefetto;
dr.ssa Silvana Merenda - viceprefetto aggiunto;
dr. Gianfranco Ielo - funzionario economico finanziario

Art. 3

La commissione straordinaria per la gestione dell'ente esercita, fino all'insediamento degli organi ordinari a norma di legge, le attribuzioni spettanti al consiglio comunale, alla giunta ed al sindaco nonche' ogni altro potere ed incarico connesso alle medesime cariche.
Dato a Roma, addi' 12 luglio 2012

NAPOLITANO
Monti, Presidente del Consiglio dei
Ministri

Cancellieri, Ministro dell'interno
Registrato alla Corte dei conti il 17 luglio 2012 Registro n. 5, Interno, foglio n. 381

Allegato
Al Presidente della Repubblica












A cura del comitato cittadino Isola Pulita di Isola delle Femmine










L’assedio alla procura di Palermo sotto il “Generale Agosto”

Nessun commento: