L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























mercoledì 21 novembre 2012

Lavori di “ristrutturazione approdo e movimentazione della zona destinata ai pescatori nel porto di Isola delle Femmine”.

Lavori di “ristrutturazione approdo e movimentazione della zona destinata ai pescatori nel porto di Isola delle Femmine”. 

Anche la gara per l’aggiudicazione dei lavori di “ristrutturazione approdo e movimentazione della zona destinata ai pescatori nel porto di Isola delle Femmine”, per un importo di 162.462,10 curo oltre Iva e comprensivo di oneri non soggetti a ribasso, e’ stata caratterizzata da distorsioni ed irregolarita’ che assumono un peso specifico se poste in raffronto con i requisiti della ditta aggiudicataria.

All’esito della gara, si aggiudicava l’appalto - avendo presentato il ribasso maggiore - la Ditta “Omissis”, che non e’ esente da elementi di controindicazione e collegamenti con la criminalita’ di tipo mafioso.

“Omissis”, nato a Partinico l’”Omissis”, amministratore unico e direttore tecnico della “Omissis” -con sede a Borgetto, in “Omissis”, unitamente al di lui fratello “Omissis” (classe “Omissis”, e’ figlio di “Omissis”, nato a Borgetto il “Omissis”, il quale in data 17.05.2000 e’ stato tratto in arresto da militari deI R.O.S. CC., Sez Anticrimine di Palermo, in ottemperanza di O.C.C. emessa il 15.5.2000 dal GIP di Palermo, poiche’ gravemente indiziato del reato di cui all’art. 110 e 416 bis, c 1, 3, 4, 5 e 6 c.p., per aver concorso con altre persone, in qualita’ di titolari, ovvero soci di imprese operanti nel settore edile, alle attivita’ ed al perseguimento degli scopi dell’associazione di tipo mafioso denominata Cosa Nostra.  

Unitamente al citato “Omissis”venivano tratte in arresto altre 25 persone. Il predetto “Ornissis”, con sentenza n. 1030/00 datata 20.07.2000, del Tribunale di Palermo - Uff. GIP, veniva condannato, su richiesta delle parti, alla pena di anni 1 e mesi 10 di reclusione per associazione di tipo mafioso.

Dalla lettura del dispositivo di sentenza, si evince che nel corso delle indagini, era stato appurato che il “Ornissis” aveva concorso con numerose altre persone, nella loro qualita’ di titolari ovvero soci di imprese operanti nel settore edile, nelle attivita’ ed alperseguimento degli scopi dell’associazione di tipo mafioso denominata Cosa Nostra e, in particolare della famiglia di Partinico, mediante la loro disponibilita’ a partecipare alle attivita’ delittuose, dando un significativo contributo alla causa associativa.  Inoltre, le risultanze investigative avevano evidenziato che il “Omissis”e gli altri soggetti tratti in arresto, con la loro condotta, avevano consentito che elementi collegati a Cosa Nostra si aggiudicassero i lavori commissionati dall’amministrazione comunale di Montelepre (Pa), attraverso il sistema della previa consegna, ai titolari delle imprese anzidette, delle buste contenenti le offerte presentate dalle ditte partecipanti alle varie gare di appalto, in tal modo pilotando l’esito finale delle stesse.

Nello specifico, gli arrestati avrebbero sistematicamente concorso alla turbativa di gare di’ appalto bandite dai comuni di Montelepre, Borgetto, Giardinello, Partinico, e di altri Comuni della provincia di Palermo, favorendo l’aggiudicazione di dette gare a imprese dell’associazione mafiosa denominata Cosa Nostra.

Le condotte, inoltre, erano aggravate dalla circostanza che si trattava di associazione armata e che le attivita’ economiche di cui gli associati intendevano assumere o mantenere il contro/lo, erano finanziate - in tutto o in parte - con il prezzo, il prodotto o il profitto di delitti.

Decreto di scioglimento del Consiglio Comunale di Isola delle Femmine










Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l’arte di vivere come fratelli. (Martin Luther King)

Nessun commento: