L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























mercoledì 19 febbraio 2014

“Mi denuncio: sono omofobo e pronto ad andare in galera”

"Mi denuncio: sono omofobo e pronto ad andare in galera"


L'avvocato Giuliano Amato notifica una diffida al governo: "Ritiri subito il progetto alla Goebbels gestito da gay, lesbiche e trans. Stop ai fascicoli che “rieducano” docenti e bidelli"

 


Gli alunni devono portarsi da casa la carta igienica perché mancano i soldi, ma la Presidenza del Consiglio dei ministri, attraverso l'Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali), ha deciso che fosse prioritario fornire alle scuole di ogni ordine e grado «gli strumenti per approfondire le varie tematiche legate all'omosessualità». Primo strumento: «I rapporti sessuali omosessuali sono naturali? Sì». Purtroppo però «un pregiudizio diffuso nei Paesi di natura fortemente religiosa è che il sesso vada fatto solo per avere bambini».
Quindi i signori docenti sono invitati a porre agli allievi un'altra domanda: «I rapporti sessuali eterosessuali sono naturali?». Secondo strumento: «Nell'elaborazione di compiti, inventare situazioni che facciano riferimento a una varietà di strutture familiari ed espressioni di genere. Per esempio: “Rosa e i suoi papà hanno comprato tre lattine di tè freddo al bar. Se ogni lattina costa 2 euro, quanto hanno speso?”». L'obiettivo è che maestre e professori possano «essi stessi diventare “educatori dell'omofobia”». A Palazzo Chigi, già poco ferrati nell'aritmetica dei conti pubblici, devono essere assai scarsi anche in italiano. C'è scritto questo e molto altro nei tre opuscoli intitolati Educare alla diversità a scuola commissionati dal Dipartimento per le Pari opportunità all'Istituto A.T. Beck per la terapia cognitivo-comportamentale, con sedi a Roma e Caserta, destinati alle scuole primarie e secondarie per dare concreta attuazione alla Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere. Quando Gianfranco Amato, 52 anni, avvocato di Varese, ha letto le linee guida che il governo intende perseguire nel triennio 2013-2015 sotto l'egida del Consiglio d'Europa, non credeva ai propri occhi. Non solo perché la gestione del progetto risulta affidata al Gruppo nazionale di lavoro Lgbt (acronimo di lesbiche, gay, bisessuali e transgender), «formato da 29 associazioni tutte e solo di quella sponda, come Arcigay, Arcilesbica e Movimento identità transessuale», ma anche perché ha scoperto che in Italia è stata creata a sua insaputa una forza speciale per mettere in riga gli omofobi: «Si chiama Oscad, cioè Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori, ed è composto da polizia e carabinieri. La sigla ricorda l'Ovra fascista. Ormai siamo a uno zelo da far invidia al Reichsministerium für Volksaufklärung und Propaganda di quel malefico genio dell'indottrinamento di Stato che fu Joseph Goebbels».
Ecco perché l'avvocato Amato ha notificato un atto di diffida stragiudiziale al Dipartimento delle Pari opportunità, all'Unar, al ministero dell'Istruzione e ai 122 Uffici scolastici regionali e provinciali. «Guai a loro se adotteranno atti o provvedimenti che diano seguito alla Strategia nazionale del governo. Quell'arbitrario documento dev'essere solo annullato». Il legale non ha agito a titolo personale, bensì come presidente dei Giuristi per la vita, un'associazione che ha sede a Roma. Ne fanno parte una quarantina di cultori delle scienze giuridiche, fra cui magistrati come Francesco Mario Agnoli, presidente aggiunto onorario della Cassazione, e Giacomo Rocchi, consigliere della prima sezione penale della medesima Corte suprema.

«Non c'interessa il dialogo sui massimi sistemi, siamo una task force operativa molto agguerrita», spiega Amato, sposato, tre figli, rappresentante per l'Italia di Advocates international e collaboratore dell'Alliance defense fund, formata da legali che si occupano di cause riguardanti la libertà religiosa e la bioetica. «Ci autofinanziamo per offrire patrocinio gratuito a docenti e medici nei guai con la giustizia per motivi di coscienza».

Le maestre finiscono in tribunale?

«Agli italiani è sfuggito che il 19 settembre la Camera ha approvato il disegno legislativo promosso da Ivan Scalfarotto, deputato del Pd, gay dichiarato. Presto andrà in aula al Senato e diventerà legge dello Stato. Quando ne ho illustrato i contenuti a un amico imprenditore e a sua moglie, non volevano crederci: “Tu esageri sempre”. Allora ho capito come si arrivò ai campi di sterminio: grazie all'ignoranza dei tedeschi. Tant'è che mi sono sentito in obbligo di scriverci un libro, Omofobia o eterofobia? Perché opporsi a una legge ingiusta e liberticida, edito da Fede & Cultura, che sta andando a ruba con il passaparola».

Legge liberticida?

«Hanno inventato l'emergenza omofobia per avviare una persecuzione contro chi non la pensa come loro. Il Pew research center di Washington, presieduto da Allan Murray, ex vicedirettore del Wall Street Journal, ha pubblicato uno studio mondiale sull'atteggiamento verso l'omosessualità. L'Italia è fra le 10 nazioni più amichevoli con i gay, per i quali il 74 per cento della popolazione non prova alcuna ostilità. Siamo appena un gradino sotto la civilissima Gran Bretagna. Ma poi, scusi, servono le statistiche? Puglia e Sicilia non hanno forse eletto due governatori omosessuali?».

Allora perché è stata varata la Strategia nazionale contro l'omofobia?

«Me lo dica lei. Il piano del governo prevede corsi di formazione obbligatoria sui diritti Lgbt non solo per docenti e alunni ma anche per bidelli e personale di segreteria. E che cosa vorrà dire l'impegno a “favorire l'empowerment delle persone Lgbt nelle scuole”? E il “diversity management per i docenti”? Lo chiedo ai cattolici che siedono nel governo, come Gabriele Toccafondi, sottosegretario all'Istruzione, e Maurizio Lupi e Mario Mauro, ministri ciellini».

A che serve l'Oscad?
«Già, a che serve una sorta di polizia speciale? A me risulta, proprio dai dati dell'Oscad, che dal 2010 a oggi siano pervenute appena 83 segnalazioni per offese, aggressioni, lesioni, danneggiamenti, minacce e suicidi relativi all'orientamento sessuale. Una media di 28 casi l'anno, 1 ogni 2 milioni di abitanti. E questa sarebbe un'emergenza nazionale?».
Stando agli opuscoli dell'Unar, gli insegnanti delle scuole sono tenuti a «non usare analogie che facciano riferimento a una prospettiva eteronormativa» giacché «tale punto di vista può tradursi nell'assunzione che un bambino da grande si innamorerà di una donna e la sposerà».
«Sposare una donna: inaudito! Aveva visto giusto Gilbert Chesterton: spade dovranno essere sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi d'estate e che 2 più 2 fa 4. Siamo giunti a un livello tale di relativismo da far impazzire la ragione. Non si riconosce più la natura. È la teoria del gender: i ragazzi non sono maschi o femmine per un dato biologico, ma a seconda di come sentono di essere».
Insegnare che «maschio e femmina Dio li creò», come sta scritto nella Bibbia, diventerà reato?
«La strada è quella, tracciata dall'Unar nelle Linee guida per un'informazione rispettosa delle persone Lgbt, dove i credenti vengono biasimati perché descrivono “le unioni tra persone dello stesso sesso come una minaccia alla famiglia tradizionale, come contro natura e come sterili, infeconde”. Nei libretti destinati ai maestri, l'Unar denuncia che “il grado di religiosità” è “da tenere in considerazione nel delineare il ritratto di un individuo omofobo” e che “maggiore risulta il grado di cieca credenza nei precetti religiosi, maggiore sarà la probabilità che un individuo abbia un'attitudine omofoba”. Ed emette la condanna finale: “Per essere più chiari, vi è un modello omofobo di tipo religioso, che considera l'omosessualità un peccato”».
Perché la Presidenza del Consiglio ha affidato tutte le pubblicazioni dell'Unar all'Istituto A.T. Beck?
«È quello che stiamo cercando di scoprire. C'è stata una regolare gara d'appalto? Chi vi ha partecipato? Al vincitore quanti soldi sono andati? Quali competenze ha questo istituto? Perché il Dipartimento delle Pari opportunità ne ha sposato in toto le tesi come se fossero le uniche possibili? Si saranno accorti, a Palazzo Chigi, che nelle linee-guida per i licei viene assegnato il compitino di aritmetica antiomofobico di Rosa che compra tre lattine di tè con i suoi papà, copiato pari pari dal fascicolo per la scuola primaria? Non molto scientifico, come lavoro».
Di Antonella Montano, direttrice dell'Istituto A.T. Beck, che cosa può dirmi?
«Poco. Se non che il suo libro Mogli, amanti, madri lesbiche è stato presentato da Paola Concia, l'ex deputata del Pd firmataria di un progetto di legge contro l'omofobia bocciato dal Parlamento».
In compenso è passato quello del collega Scalfarotto.
«Testo inutile e pericoloso. Già l'articolo 3 della Costituzione sancisce che “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso”. Non possono esservi cittadini più uguali di altri, come certi animali della Fattoria di George Orwell. Per la prima volta nel nostro ordinamento giuridico s'introduce un reato senza definirne il presupposto. Che cos'è l'omofobia? Non esiste una definizione scientifica, né leggi o sentenze che lo stabiliscano. Poiché non è una malattia riconosciuta dall'Oms, come la claustrofobia o l'agorafobia, verrà lasciata alla libera interpretazione dei magistrati. Tipico degli Stati totalitari. Mi ricorda il reato di “attività antisocialista” nell'Urss: nessuno sapeva in che cosa consistesse, però ti faceva finire nei gulag».
Non starà davvero esagerando?
«In uno Stato liberale il cittadino sa preventivamente quali saranno le conseguenze dei suoi comportamenti. Il nostro diritto penale sanziona i fatti, non i motivi. Io rubo? Viene punito il furto. Che abbia rubato per fame - ecco un motivo - può servire al massimo per graduare la pena. Invece la legge Scalfarotto punisce i motivi. E crea una categoria privilegiata di soggetti che diventano meritevoli di tutela giuridica per il solo fatto di avere un certo orientamento sessuale».
Ho capito: la legge non le piace.
«Passato il principio secondo cui una categoria è stata discriminata, lo Stato dovrà dotarsi di sistemi riparativi e compensativi. È già successo con gli afroamericani negli Usa. Arriveremo alle quote viola, su calco di quelle rosa. Chi si dichiara gay avrà diritto a un posto di lavoro e a un alloggio. Non avendo il giudice strumenti per accertare l'omosessualità, basterà un'autocertificazione».
La legge Scalfarotto non lo prevede.
«La legge Scalfarotto non prevede nulla, qui sta l'inganno più subdolo. Punisce l'omofobia in base a un'altra legge, la Reale-Mancino, che fu promulgata per combattere l'ideologia nazifascista, il razzismo, l'antisemitismo. Con i gay parificati ai neri e agli ebrei, dire che un uomo non può sposare un altro uomo equivarrà a dire che va impedito il matrimonio fra l'uomo bianco e la donna nera».
Conseguenze penali?
«Terribili. Per una dichiarazione omofoba la legge mi punisce con 1 anno e 6 mesi di reclusione. Che diventano 4 anni se la faccio come associazione e addirittura 6 se ho una carica direttiva nella medesima. Con l'obbligo per lo Stato di procedere d'ufficio anche nel caso in cui il gay che ho offeso decidesse di perdonarmi o di ritirare la querela per evitare lo strepitus fori, cioè la pubblicità negativa».
Papa, vescovi e preti sono candidati alla galera, visto che il catechismo, al paragrafo 2.357, presenta le relazioni gay «come gravi depravazioni», dichiara che «gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati» e «contrari alla legge naturale» perché «precludono il dono della vita», decretando che «in nessun caso possono essere approvati».
«Sta già accadendo a tanti cristiani in giro per l'Europa. Tony Miano, 49 anni, statunitense, ex vicesceriffo della contea di Los Angeles che oggi fa il predicatore di strada, è stato arrestato lo scorso 1° luglio a Wimbledon, in Inghilterra, perché commentava davanti a un centro commerciale il capitolo 4 della prima Lettera ai Tessalonicesi di San Paolo, quella che invita ad astenersi dall'impudicizia. Ho letto il verbale dell'interrogatorio: allucinante, sembra un resoconto tratto dagli Acta Martyrum. E per fortuna che il poveretto non aveva osato proclamare in pubblico la prima Lettera ai Corinti, quella in cui San Paolo dice che “né effeminati, né sodomiti erediteranno il regno di Dio”».
Come presidente dei Giuristi per la vita, passerà 6 anni in cella anche lei.
«Se essere omofobo significa considerare l'omosessualità un peccato, ritenere che il sesso debba essere aperto alla trasmissione della vita, credere nei precetti della Chiesa, allora mi autodenuncio: dichiaro pubblicamente e con orgoglio ai funzionari dell'Unar di essere un omofobo. Mandino nel mio studio gli agenti dell'Oscad ad arrestarmi. Li aspetto».
(689. Continua)
stefano.lorenzetto@ilgiornale.it 

http://www.ilgiornale.it/news/interni/mi-denuncio-sono-omofobo-e-pronto-ad-andare-galera-992845.html

Le fiabe troppo "normali" uccise dai killer di Stato

Le linee guida ministeriali toccano anche le vecchie favole: basta Principi Azzurri e Biancaneve perché condizionano i bambini e impongono famiglie tradizionali

 - Mer, 26/02/2014 


Maxima debetur puero reverentia diceva Giovenale, ma il Dipartimento pari opportunità lo ignora e si appresta a uccidere l'immaginario infantile sin dalla più tenera età. Comportandosi come gli «ingegneri dell'anima» della Russia leninista e stalinista.
Dopo le linee-guida per i giornalisti, lo Stato italiano attraverso l'Unar-Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali, che fa parte del Dipartimento pari opportunità, ha emanato le linee-guida per il personale scolastico (dagli insegnanti ai bidelli). Lo scopo ufficiale è prevenire sin da piccoli il bullismo e le discriminazioni sessuali, lo scopo non detto, subdolo e strisciante è invece imporre dall'alto, d'autorità, la «ideologia gender» che ci viene dagli Stati Uniti, vale a dire il concetto che - come ben spiega Unisex di Marletta e Perrucchetti (Arianna) - il sesso non si acquista alla nascita, ma ci viene inculcato dalla società e dalla cultura. Non solo, ma che l'omosessualità maschile e femminile rientra nella norma naturale, e non è un disordine genetico. Il passo seguente è far considerare «normale» e vvio anche una coppia o un matrimonio omosx maschio/maschio e femmina/femmina. E indurre i bambini a pensare così attraverso il mondo della fantasia manipolato assume l'aspetto di un crimine etico.
Per ottenere questo scopo gli opuscoli Educare alla diversità a scuola distribuiti dall'Unar e realizzati da un certo Istituto A.T. Beck, hanno lo scopo di preparare il terremo sin all'infanzia, dagli asili nido e dalle elementari, facendo apprendere ai giovanissimi una vera «visione del mondo» capovolta, diversa da quella abituale, della realtà e dei rapporti tra i sessi. Come? Manipolando le favole tradizionali e le fiabe moderne. Anche questo un crimine culturale, che va molto oltre la loro modernizzazione da tempo praticata e contro cui si scagliò, ad esempio, Michael Ende, l'autore de La storia infinita. Qui è assai diverso. Qui le favole si censurano e si cancellano dato che - questa l'ideologia di partenza - si ritiene che quelle in cui si presentano re e regine, principi e principesse, inducano i piccolissimi a entrare nello stereotipo secondo cui devono attendere da adulti il loro Principe azzurro o la loro Biancaneve. E in tal modo diventando dei disturbati e dei deviati. Il che è assurdo dato che queste suggestioni, se pure s'installano, avvengono soltanto in casi assai rari, come per quei bambini che si identificano in Superman e si gettano dalla finestra pesando di poter volare. Non per questo si censurano i fumetti. 
Dietro a questo però c'è qualcosa di assai più grave: le favole tra l'altro abituano i più piccoli a pensare che all'orizzonte esista una famiglia tradizionale con marito e moglie, padre e madre, figli e figlie. E invece no! Esistono - dicono i volumetti dell'Unar e dell'Istituto Beck - anche le famiglie con due padri o due madri, o semplicemente Genitore 1 e Genitore 2, e sono «normali» e a esse ci si deve abituare, ritenendo ovvio un possibile matrimonio omosex. Lo si dice esplicitamente: «Al bambino è chiaro da subito che se è maschio deve innamorarsi di una principessa, se femmina di un principe. Non gli sono proposte fiabe con indicazioni diverse». Perché il principe non potrebbe innamorarsi del paggetto di corte? Questa dunque la colpa che si deve emendare con le nuove fiabe omosessuali di Stato. Sicché nelle scuole gli insegnanti sarebbero obbligati a «non usare analogie che facciano riferimento ad una prospettiva eteronormativa». Da intendersi: l'eterosessualità è la norma. Perché? Perché, spiega lo Stato italiano ai suoi insegnanti, «tale punto di vista può tradursi nell'assunzione che un bambino da grande si innamorerà di una donna e la sposerà». Pensate che cosa disdicevole! Mentre invece potrebbe innamorarsi di un altro uomo e, date le prospettive, «sposarlo» lo stesso.

Questa non è lotta al bullismo e alla discriminazione, ma propaganda pro omosessuali, compiuta su una psiche ancora in formazione. Nessuno si è posto il problema che un bimbo potrebbe considerare allora «normale» cedere a un pedofilo? Dalla lotta alla discriminazione sessuale, si è passati alla esaltazione della diversità sessuale minoritaria. Poiché l'«ideologia gender» ritiene che il sesso non ce lo dà la Natura ma l'orienta la Società, plasmiamo dunque i bimbi in tenerissima età verso una tendenza filo omosessuale... Tanto più che una docente di Psicologia della educazione dell'Università La Sapienza ha affermato: «Gli studi ci dicono che già a tre anni i bambini hanno dei pregiudizi di ordine sessuale». E se lo dice la “scienza” siano autorizzati a scardinare questi presunti «pregiudizi», ma creandone degli altri peggiori: ad esempio contro la famiglia «tradizionale»... E questo attraverso la censura e la riscrittura delle favole classiche, o creando fiabe omosessuali appositamente. Ed è proprio questo tentativo messo in pratica dalle autorità politiche locali negli asili e nelle elementari di Venezia e dell'Umbria che ha scatenato polemiche e spinto molti genitori a minacciare di toglie i figli dalle scuole statali. Al punto che il viceministro del Lavoro del governo Letta, Maria Cecilia Guerra è stata costretta a difendersi: «Non ho autorizzato io la diffusione del materiale didattico per l'educazione alle diversità nelle scuole. Sono contraria alla imposizione di un punto di vista»! Ma allora che senso ha spendere decine di migliaia di euro per commissionare e stampare gli opuscoli Unar-Beck se poi non si vuole «imporre un punto di vista» statale?
Giustamente due psicologhe e psicoterapeute, Maria Rita Parsi e Silvia Vegetti Finzi si sono opposte a una simile manipolazione delle favole e delle menti infantili. La Finzi ha affermato: «Vedo un rovesciamento di centralità: fino a qualche tempo fa le forme familiari diverse da quella tradizionale erano messe al bando. Ora hanno una eccessiva attenzione. Non si tiene conto che si tratta pur sempre di una realtà minoritaria». La psicoterapeuta rivendica il diritto del bambino «a riconoscersi in una famiglia naturale» e contesta la «centralità che si tenta di attribuire a modelli familiari minoritari che nuoccino a una psicologia in evoluzione che cresce in un contesto tradizionale». In altre parole le nuove fiabe omosex instillano subdolamente nella psiche infantile dei dubbi sulla propria identità sessuale che potrebbe non essere quella che appare, deviandola. Secondo certi «cattivi maestri» l'individualità e identità dell'essere umano può venire messa in dubbio e manipolata in una Europa che si preoccupa invece di proteggere l'identità - per esempio - del lupo selvatico proibendo gli incroci con i cani domestici! Tutto ciò per arrivare alla dittatura della minoranza Lgbt (lesbiche gay bisessuali transessuali) promossa dall'ideologia progressista globalizzata con la scusa di difenderla.
http://www.ilgiornale.it/news/cultura/fiabe-troppo-normali-uccise-dai-killer-stato-996288.html 

INFORMAZIONI CORRELATE:
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.it/2013/12/cambiamo-aria-il-piano-aria-regione_30.html




GENDER: 3 CONVEGNI COMPLOTTISTI IN PROVINCIA DI PALERMO: GROSSOLANE BUGIE, GENDER,AMATO GIANFRANCO,GIOVANARDIRENZI,LA BUONA SCUOLA



ABORTO, AMATO GIULIANO, DIVORZIO, EUTANASIA,GENDER, GIOVANARDI, GROSSOLANE BUGIE, LA BUONA SCUOLA GIURISTI PER LA VITA, RENZI,MINISTERO PARI OPPORTUNITA'

 

Nessun commento: