L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























sabato 5 luglio 2014

Cannova Gianfranco Aprile 2011 Arnone Giovanni Dirigente Generale Dipartimento Ambiente Aia-d-d-g-232-Del-13!04!2011

Cannova Gianfranco Aprile 2011 Arnone Giovanni Dirigente Generale Dipartimento Ambiente Aia d.d.g. 232-Del-13.04.2011



Quanto finora esposto per la difesa del convenuto riguarda dunque la questione dell'uso del pet-coke per la quale la società il Italcementi aveva chiesto le autorizzazioni amministrative anche in via provvisoria.

Ma il dottore Anzà nell'accusare il convenuto Ciampolillo di aver orchestrato a suo danno una complessa campagna denigratoria affronta anche il tema del PIANO REGIONALE DI COORDINAMENTO PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA DELLA SICILIA. 

Il ricorrente non nega che per la redazione dell'importante documento sia stato utilizzato il Piano della regione Veneto ma -si giustifica- esso contiene i dati relativi alle emissioni in Sicilia e comunque assolve il peccato suo e dei suoi collaboratori (ma precisa "non è stato integralmente copiato dal piano del Veneto") per la necessità di essere celere pur di rispettare le scadenze istituzionali: semmai –avverte- inavvedutamente, qualche refuso del piano del Veneto è sfuggito allo stesso Anzà e ai suoi collaboratori.

Sul blog che il ricorrente riporta all'allegato 5, vengono riferite, virgolettate, le affermazioni del dottor Gioacchino Genchi affinché si intenda bene quando i giudizi e le parole usate sono provenienti dallo Stesso. Or bene ciò che il Dott. Anzà lamenta riferendosi alla pagina cinque del blog è una dichiarazione del dottor Genchi che fino a poco tempo prima occupava proprio la poltrona del Dott. Anzà. Genchi afferma che il piano regionale della Sicilia sia abbondantemente copiato ed in modo grossolano e rozzo ma a sua volta riferisce che la scoperta proviene addirittura dalle televisioni nazionali e cioè dalla trasmissione "striscia la notizia" di Canale 5 "Reality" di La-7.
 
La questione non è nuova per codesto Tribunale perché con sentenza n. 2708/2010 della Prima Sezione Civile (G.U. d.ssa Spadaro Giulia) è stata decisa la causa Messina Giuseppe (n.q. di dirigente regionale dell'associazione Legambiente) contro Anzà Salvatore e contro Assessorato Territorio e Ambiente della Regione Siciliana. Anzà Salvatore è stato condannato al pagamento a favore dell'attore della somma di euro 10.000,00 per aver diffamato Messina affermando, fra l’altro, che egli facesse parte "di una banda di cialtroni... responsabili regionali di Legambiente [che] hanno gravemente diffamato la Regione siciliana con una serie di menzogne, falsità, raggirando i giornalisti;...[tali sono una] nicchia di imbroglioni... settore deviato di Legambiente... il gruppo di tre ciarlatani (Genchi, fontana, Messina)...[tiene] atteggiamento omertoso... i tre illusionisti hanno fraudolentemente carpito la buona fede dei giornalisti da perfette canaglie... animati esclusivamente dall'esigenza di assecondare rancori personali e interessi privati, alla ricerca disperata di un improbabile vendetta..." (la sequela degli insulti proferiti dall’ odierno ricorrente prosegue ed è puntualmente riportato nella parte motiva della sentenza). 

Nessun commento: