L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























martedì 7 ottobre 2014

SENTENZA 132 2013 IL PROFESSORE GASPARE PORTOBELLO IL GEOLOGO MARCELLO CUTINO IL DOTTORE RISO NAPOLEONE IL SIGNOR PALAZZOTTO & COMPANY SONO PER LA GIUSTIZIA INCANDIDABILI

SENTENZA 132 2013 IL PROFESSORE GASPARE PORTOBELLO IL GEOLOGO MARCELLO CUTINO IL DOTTORE RISO NAPOLEONE IL SIGNOR PALAZZOTTO & COMPANY SONO PER LA GIUSTIZIA INCANDIDABILI

post pubblicato il 10 aprile 2014 

PROROGA PER ULTERIORE SEI MESI DELLA GESTIONE COMMISSARIALE AL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE SCIOLTO PER INFILTRAZIONI MAFIOSE



Alla luce della relazione prefettizia del 6 febbraio, con la quale si proponeva la proroga di ulteriori sei mesi della gestione commissariale del comune di isola delle femmine per la seguente motivazione :” nonostante i positivi risultati conseguiti   dall’organo   di   gestione   straordinaria,   l’avviata riorganizzazione  e  il  risanamento  dell’ente  locale  non  possono ritenersi conclusi…”.
Da un primo sommario bilancio delle gestione Commissariale ed alla luce di quanto la relazione prefettizia di Palermo (pubblicata nella G.U. 29 novembre 2012)  che ha motivato lo  scioglimento del Consiglio Comunale di Isola delle Femmine alcune precisazioni si ritengono necessarie al fine di  evitare il ripetersi di  situazioni di illegalità e malaffare che hanno portato il Comune alla Gestione Commissariale.

  • “L’amministrazione Comunale ha agito sotto l’influenza ed il condizionamento delle criminalità organizzata di stampo mafioso allo scopo di favorire gli esponenti locali”
  • “Le ingerenze nelle funzioni e nei compiti curati dall’ente civico hanno preso corpo e si sono tradotte in molteplici illegittimità, abusi ed eccessi, sviamenti di potere e anomalie dell’attività amministrativa tutti tesi a favorire economicamente e sotto forma di altre utilità, soggetti a vario titolo collegati direttamente e indirettamente ad esponenti della locale consorteria mafiosa e, più in generale, a COSA NOSTRA”
  • “Tali condizionamenti e sviamenti nell’azione amministrativa dell’ente hanno caratterizzato non solo i due mandati dell’attuale Sindaco ma si manifestano come condotte da temppo radicate nell’ente, capaci di sopravvivere, adattandosi in maniera davvero preoccupante, anche all’alternanza delle coalizioni politiche al vertice del Comune di Isola delle Femmine”
  • In sostanza è stato rilevato che talune distorsioni poste in essere a favore di soggetti vicini alla locale famiglia mafiosa hanno radici nell’amministrazione comunale guidata dal Sindaco “omissis” e si sono replicate anche dopo le elezioni del Sindaco “omissis”

    1. “RELAZIONI PARENTALI CON ESPONENTI DI LEVATURA DI COSA NOSTRA “

    1. “SPECULAZIONI EDILIZIE”

    1. “INCOMPATIBILITà OBIETTIVA IN SOGGETTI CHE RICOPRONO CARICHE ISTITUZIONALI DI PRIIMO PIANO”

    1. “PERSISTENTI GRAVI IRREGOLARITA’ E ANOMALIE IN APPALTI, SERVIZI E FORNITURE”

    1. “MANCANZA DI TRASPARENZA NELLA GESTIONE DELLE PROCEDURE E NELL’IMPIEGO DEI FINANZIAMENTI PUBBLICI”

    1. “SVARIATE ANOMALIE IN MATERIA DI IMPOSIZIONE TRIBUTARIA CHE MOSTRANO TOLLERANZA VERSO L’EVASIONE FISCALE”

-Aggiudicazione, esecuzione dei sub-appalti e noli a ditte collegate con la criminalità organizzata per i lavori di “Collegamento del sistema fognario comunale al depuratore del Consorzio ASI di Carini”; lavori di “Ristrutturazione  approdo e movimentazione della zona destinata ai pescatori del porto”; lavori di “Manutenzione impianti di pubblica illuminazione”

-Concessioni edilizie illegittime (Vedasi documentazione interocorsa tra UTC e Dipartimento Urbanistica della Regione)

-Oneri di urbanizzazione non riscossi a favorire ditte collegate a personaggi di spicco del panorama della criminalità organizzata con conseguente:

1.    SVIAMENTO DEL DETTATO NORMATIVO IN MERITO AI PRESUPPOSTI DI RILASCIO DELLE CONCESSIONI
2.    MANCATA PERCEZIONE ONERI DI URBANIZZZAIONE
3.    MANCATO INTROITO COSTI DI COSTRUZIONE AL’ATTO DEL RILASCIO DELLE CONCESSIONI
4.    MANCATO ACCERTAMENTO SIPULA POLIZZE FIDEUSSORIE A GARANZIA
5.    TOTALE MANCANZA DI VOLONTA’ DEL COMUNE DI ANNULLARE PROVVEDIMENTOI CONCESSORI IN AUTOTUTELA

-Mancata riscossione imposte comunali con riferimento a mebri di famiglie legate o riconducibili alla criminalità organizzata e alla compagine amministrativa (dipendenti, consiglio e giunta comunale)

-Contratti di locazione diffuse irregolarità amministrative e mancato rispetto delle regole che disciplinano l’attività contrattuale della P.A., commesse al solo scopo di favorire soggetti malavitosi, legati assai da vicino alla criminalità organizzata

-Occupazione del suolo pubblico condotte omissive che hanno di fatto favorito economicamente soggetti riconducibili a COSA NOSTRA a scapito delle finanze comunali. Privilegi goduti da soggetti privati cui l’ente concede la possibilità di occupare suolo pubblico sottratto alla fruizioni pubblica

Inoltre la relazione informa le Autorità Giudiziarie il Governo ed i Cittadini di Isola delle Femmine della :

“Presenza di forme di condizionamento da parte della criminalità organizzata mafiosa, tali da determinare un’alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi elettivi e di quelli amministrativi e di compromettere il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione comunale di isola delle femmine ed anche il regolare funzionamento dei servizi ad essa affidati”


Se questa è la “lista della spesa” che il governo ha consegnato alla Comissione Straordinaria che ha governato il Comune di Isola delle Femmine per 18 MESI c’è da chiedersi qual è lo stato dell’arte dei provvedimenti  delle decisioni degli atti prodotti da questa Commissione?

Si chiede ulteriori sei MESI di governo in base a quali RISULTATI ottenuti ?


Ricordiamo alla Commissione al Governo alle Autorità tutte che nella prossima primavera si dovranno svolgere le lezioni amministrative . Quali garanzie avranno I cittadini di partecipare ad una LIBERA elezione?

Riuscirà la GIUSTIZIA a liberare il pacchetto di circa 400/500 voti controllati dai prestanomi dei beni di proprietà dei mafiosi?


a cura del Comitato Cittadino Isola Pulita
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.it/2014/04/proroga-dello-scioglimento-del.html

Nessun commento: