L'informazione è il diffondere, il far conoscere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è solo propaganda. L'informazione è un diritto. L'informazione come possibilità di scelta.
Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).























lunedì 20 aprile 2015

Miccoli indagato per estorsione

Miccoli indagato per estorsione

Palermo - La Dia di Palermo ha arrestato Mauro Lauricella, 33 anni, figlio del boss Antonino, e Gioacchino Alioto, 62 anni, mafioso, accusati di estorsione aggravata nell’ambito dell’inchiesta in cui, per lo stesso reato, è indagato il calciatore del Lecce, ex bomber del Palermo, Fabrizio Miccoli. Il giocatore avrebbe incaricato Mauro Lauricella di recuperare alcuni crediti.
Il credito - dicono gli investigatori della Dia - sarebbe stato vantato da un ex fisioterapista del Palermo calcio e Miccoli avrebbe fatto da tramite con Alioto e Lauricella - di cui era grande amico - per recuperare i soldi che dovevano alcuni soci della discoteca Paparazzi di Isola delle Femmine (Pa). Lauricella e Alioto avrebbero incontrato, nel 2010, uno dei soci della discoteca in un locale in piazza Kalsa, alla presenza di altri mafiosi, e con metodi tipici dell’associazione mafiosa, avrebbero estorto migliaia di euro all’imprenditore. «Le accuse - dice la Dia - sono frutto di una minuziosa e articolata attività di riscontro seguitasi negli anni e che continua tuttora al fine di verificare eventuali comportamenti illeciti realizzati dagli indagati».
Anche l’ex giocatore del Palermo, Andrea Barzagli, adesso difensore della Juventus, sapeva delle difficoltà dell’ex fisioterapista del Palermo nella riscossione di crediti legati alla discoteca Paparazzi di Isola della Femmine (Pa) e dell’interessamento di Fabrizio Miccoli, suo ex compagno in rosanero, adesso indagato per estorsione aggravata. Barzagli è stato sentito dai pm nel 2012 in quanto ex proprietario di una quota societaria della discoteca. Nel 2008, quando si trasferì in Germania, il difensore cedette la sua parte all’ex fisioterapista. Secondo quanto raccontato da Barzagli, sarebbe stato un altro dei proprietari del Paparazzi a informarlo della vicenda dicendo di essere stato minacciato da persone incaricate dal fisioterapista, con il coinvolgimento di Miccoli. Barzagli si tirò fuori dalla vicenda, dicendo di non volere intervenire in una questione che non lo riguardava.
Alioto, soprannominato “Zu Gino”, è un personaggio la cui storia criminale si consolida nella metà degli anni Ottanta quando viene inserito nel cosiddetto “Rapporto dei 366”, scaturito dalle rivelazioni di Tommaso Buscetta, per associazione per delinquere semplice e di stampo mafioso, e per essere sospettato di avere partecipato ad alcune rapine compiute nell’interesse delle famiglie Sinagra, Spadaro e Marchese.
http://www.ilsecoloxix.it/p/sport/2015/04/20/ARGwmwBE-miccoli_indagato_estorsione.shtml

Nessun commento: